II TRE ANNI CHE RESTANO…

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

Le elezioni europee, non ce ne rendiamo sempre conto, hanno largamente modificato la percezione del microcosmo politico per i tre anni che ci restano da vivere sotto la presidenza di François Hollande. Del resto, non è sicuro che la scadenza del 2017 venga rispettata. Possiamo ormai pensare, anche se queste ipotesi non sono delle più probabili allo stato attuale delle cose, che tale scadenza verrà anticipata, o con la dissoluzione dell’Assemblea, o con la dimissione del Presidente. In effetti, la degradazione sia della situazione politica che di quella economica è ormai arrivata a un ritmo tale che diventa possibile pensare a delle vie d’uscita più rapide.

La degradazione della situazione economica

Quest’ultima non è spettacolare ed è raramente sulla prima pagina dei giornali. Ma non per questo è meno preoccupante. Ricordiamo già un fatto : con un PIL che ristagna, con una struttura di ripartizione costante, un Paese come il nostro, la cui popolazione cresce in maniera costante, vede il PIL per abitante diminuire meccanicamente. Ciò si traduce nella diminuzione del reddito, ma anche [poiché le resistenze che il governo vuole imporre ai diversi tagli sociali sono forti] nell’aumento dei prelevamenti e del deficit. Il governo si dibatte così in una nassa in cui si è messo da solo. Qualunque riduzione dei budget sociali, qualunque aggravamento della situazione della maggioranza si traduce direttamente, ma anche indirettamente in ragione dell’impatto di tali misure sui progetti finanziari delle famiglie, in una diminuzione dei consumi. Certo, il consumo delle imprese e quello dello Stato nascondono in parte questo processo. Esso però diventa ogni giorno più evidente. Davanti a tale abbassamento dei consumi, e davanti a prospettive internazionali degradate dal fatto che il tasso di cambio dell’Euro pesa drammaticamente sulla nostra economia, l’ investimento è fermo. In effetti, la popolazione del nostro Paese si impoverisce in maniera regolare dal 2007.

Grafico 1 – PIL per abitante [in euro, a prezzi costanti, base 1995]

 PIB par Hab - copie

Capiamo bene che non è in questo modo che ritroveremo una crescita forte, cioè uguale o superiore a 3% , di cui il nostro Paese ha bisogno per un periodo di almeno 5 anni per poter ritrovare un certo equilibrio. La crisi è relativamente nascosta dalla diminuzione del risparmio dei francesi, che contribuisce al mantenimento relativo del consumo, ma che sarà a scapito del futuro.

Grafico 2 – Risparmio per abitante

Epargne par Hab - copie

In effetti, i consumi delle famiglie, dopo la flessione dovuta alla crisi finanziaria, si erano risollevati fino al gennaio 2011. A partire da questa data, sotto la politica di austerità imposta per « salvare l’Eurozona », i consumi si abbassano. Questo non ci stupisce quando conosciamo le cifre della produzione per abitante. Ciò che è nondimeno significativo è che questa flessione avviene quando il risparmio è nettamente inferiore [a prezzi costanti] a quello che era nel 2000. Dunque, tale diminuzione dei consumi è la prova dell’impoverimento generale della popolazione. Bisognerebbe, ben inteso, aggiungervi il calo dei servizi pubblici alla popolazione, che sia in qualità [nei trasporti], o in qualità e in quantità, come nel campo della salute e dell’insegnamento. La politica finanziaria dei governi dal 2010, lo dimentichiamo troppo spesso, ha portato ad una stabilizzazione delle spese pubbliche in senso stretto.

Grafico 3 – Consumo mensile delle famiglie in beni – Volume ai prezzi dell’anno precedente [migliaia di euro]

 Comnsom-Men - copie

Se il deficit continua ad esistere è a causa della deriva delle spese sociali, indotte esse stesse dalla scarsa attività economica [le prestazioni disoccupazione] e dall’aumento della popolazione. Normalmente, un tale aumento dovrebbe indurre una crescita relativamente forte, ma l’economia viene budgetariamente repressa dal governo per limitare la crescita del debito. Il problema è che ad ogni « giro di vite » che il governo impone, esso deteriora un po’ più la crescita, e dunque le risorse fiscali, che potrebbero permettergli di equilibrare il bilancio. Il governo è nella posizione di una persona che sta rischiando di annegare e che si affretta a bere dell’acqua, pensando che questo la aiuterà a galleggiare, mentre la trascina irrimediabilmente verso il fondo.

La realtà delle cose è che l’Euro, e sì sempre lui, ma c‘è un motivo, distrugge la nostra competitività. Lo possiamo costatare con l’evoluzione della produzione manifatturiera dalla crisi del 2007.

Grafico 4 – Indice cvs-cgf della produzione manifatturiera [base 100 nel 2010] – Fonte : INSEE

 Prod-Manuf - copie

Grafico 4b – Produzione industriale [base 100=2010] – Fonte : INSEE

 Graphe 4B - copie

Constatiamo lo shock della crisi. La produzione crolla a partire dal marzo 2008. Conosce un rialzo da aprile 2009 a febbraio 2011, ma ricomincia a diminuire dopo questa data. L’Euro è un problema non solo di fronte alle economie fuori dall’Eurozona, e da questo punto di vista il tasso di cambio Euro-Dollaro mostra bene il problema. E’ esemplare il caso della Germania, unico Paese la cui produzione industriale sia tornata all’incirca ai livelli del 2007, mentre continua a scendere dappertutto. La struttura della produzione tedesca le permette di reggere un tasso di cambio del 1,35/1,40 Dollari per un Euro, mentre gli altri Paesi dell’Eurozona sono asfissiati. Da questo punto di vista, bisogna vedere l’evoluzione su un lungo periodo, dall’introduzione dell’Euro ad un tasso che era stato artificialmente fissato a 1,22 USD, La tendenza è ampiamente in rialzo dal 2002. Certo, il tasso di cambio è salito oltre l’1,50 USD nei momenti peggiori della crisi,ma la tendenza al rialzo dal 2000 è chiarissima.

Grafico 5 – Euro / Dollaro – Fonte : Banca Centrale Europea

 Euro-USD - copie

Questa tendenza penalizza particolarmente l’industria francese i cui costi sono paragonabili a quelli dell’industria tedesca, ma la cui gamma di prodotti è posizionata in modo molto diverso. Ora, coloro che pensano che un riposizionamento « alla tedesca » sia possibile, si illudono. In effetti la Germania ha acquisito, in modo sia oggettivo che soggettivo, una posizione dominante sui prodotti di alta qualità. A nulla serve contestarla. Bisognerebbe poterla aggirare, ma per questo bisogna svalutare. E’ qui che misuriamo il costo dell’Euro, questa volta per il commercio intra-Zona. Nell’Eurozona, perdiamo terreno di fronte ai nostri concorrenti naturali, l’Italia e la Spagna, che abbassano i costi con terribili diminuzioni di stipendi le cui conseguenze sono spaventose in termini di impiego.

Tabella 1 – Fonte : Eurostat, Natixis

Tableau

La soluzione evidente consisterebbe nella dissoluzione dell’Eurozona che permetterebbe ad ogni Paese di avere il tasso di cambio corrispondente alla realtà della propria economia. Quello che perderemmo rispetto all’Italia e alla Spagna, che senza dubbio svaluterebbero più di noi, lo guadagneremmo e ancor più rispetto alla Germania e agli altri Paesi della zona Dollaro. Avremmo allora un riordinamento delle bilance commerciali, poiché l’eccedente tedesco diminuirebbe, mentre la Francia, l’Italia o la Spagna  sarebbero tirate dalla crescita del loro commercio sia interno che estero. Il costo per la Germania sarebbe passeggero, poiché, importando prodotti dai Paesi svalutati, limiterebbe in parte gli effetti di sopravvalutazione della sua moneta che la dissoluzione dell’Eurozona comporterebbe indubbiamente.

E’ questa la soluzione ai nostri problemi economici. E’ ciò che non capiscono i « socialisti afflitti » [1]. Questi ultimi, i dissidenti del PS ed alcuni membri del Fronte di Sinistra denunciano la « politica dell’offerta » condotta dal governo. Su questo punto hanno ragione. Non c’è però spazio per una « politica della domanda » nel quadro stretto dell’Euro – cosa che, per tattica o per cecità ideologica, si rifiutano di vedere. E’ evidente che l’adozione di tasso ridotto per la CSG o la crescita del numero di impieghi facilitati sono due misure perfettamente inadeguate alla gravità della situazione.  Possono essere solo palliativi con effetti limitati [2]. Del resto, ci può essere una « politica della domanda » in senso stretto solo se si include in questa politica un necessario sforzo di investimento. Per questo però bisogna ricostruire sia la domanda [per assicurare il bisogno di investire], che la tesoreria delle imprese [per assicurare la capacità di investire], poiché fare una cosa senza l’altra porta, e porterà, al fallimento. La situazione economica conosce da queste ultime settimane una drammatizzazione che lascia poco margine di manovra ai diversi attori. La nomina di Laurence Boone [3] al posto di Emmanuel Macron  come consigliere economico del Presidente conferma  al tempo stesso la permanenza nell’errore in cui si compiace François Hollande, ma anche una testardaggine micidiale ad applicare una sedicente « politica dell’offerta » che non ha mai funzionato. Questa nomina conferma anche che il Presidente, così come i suoi consiglieri, continuerà a vivere in un mondo immaginario, illudendosi che la crescita tornerà un giorno o l’altro. I dati che sono stati presentati sopra mostrano con tutta evidenza il contrario.

Del resto, il fallimento delle misure prese a inizio giugno dalla BCE, che non fanno altro che amplificare una bolla obbligazionista ma che lasciano invariata la situazione economica reale [4], mostra che Mario Draghi sfiora i limiti di ciò che può sperare di realizzare un presidente della Banca Centrale.

La degradazione della situazione politica

Mentre però assistiamo a questa degradazione della situazione economica, le elezioni europee hanno profondamente modificato le carte in campo politico. Non torneremo sull’analisi dei risultati di queste elezioni, che hanno visto il doppio crollo dei « federalisti » [UDI e EELV] e degli « Euro-rassegnati » [PS e UMP], mentre gli « euroscettici » [DLR, FdG e FN] si affermano come il primo blocco elettorale del Paese [5]. Ugualmente, non ci soffermeremo sul fatto che il Fronte Nazionale, con il 25% dei suffragi espressi, supera largamente l’UMP e schiaccia il PS. E’ invece più interessante guardare la ripartizione geografica del voto Fronte Nazionale.

Percentuale delle voci a favore delle liste FN alle elezioni europee del 2014 [rispetto ai suffragi espressi]

Bo3-gibCYAAH7qB - copie

Vediamo che questo voto esce dai territori tradizionali e copre ormai largamente la Francia operaia e si introduce sulle terre di peri-urbanizzazione. Le analisi post voto confermano che, tra i votanti, i giovani e le persone in attività hanno votato nella maggioranza FN. E’ qui, in realtà, che si situa il vero « sisma » del voto del 25 maggio. Tanto nel PS quanto nell’UMP parecchi dirigenti hanno realizzato cosa significhi lo sfondamento del FN negli elettorati lontani da quello originario, e da ciò concludono che il FN sarà obbligatoriamente al secondo turno delle presidenziali del 2017. La strategia sarà dunque quella di cercare di assicurare al candidato di ogni partito un posto al secondo turno, nella speranza che a quel punto i voti andranno ad un altro candidato che a quello del FN. Le conseguenze di questa analisi si fanno già sentire sia nell’ UMP che nel PS.

Non possiamo capire la violenza che attualmente segna gli affrontamenti in seno all’UMP, in seguito all’affare Bygmalion e alla dimissione di J.-F.Copé, se non li riconduciamo sia ad affrontamenti di persone, che a conflitti tra linee politiche. La posta in gioco è di avere una candidatura comune con i centristi del MODEM/UDI per essere sicuri di partecipare, e dunque nella speranza dei dirigenti di vincere al secondo turno. Nicolas Sarkozy resta nell’illusione di un « ritorno », senza aver capito che il suo comportamento l’ha reso durevolmente odioso ad una parte stessa degli elettori del suo partito. La scelta sembra orientata tra Juppé e Fillon. Se il primo è un personaggio relativamente consensuale, dovrà nondimeno mostrare di avere una linea politica solida e non solo un bilancio accettabile come sindaco di una grande città, capace di radunare, anche al di là del suo partito. Per François Fillon si pone il problema del suo posizionamento politico. La sua immagine è stata profondamente offuscata dalla sua cooperazione con Nicolas Sarkozy, di cui fu Primo Ministro dal 2007 al 2012. Egli eredita una parte dell’obbrobrio che colpisce il vecchio Presidente. Conosciamo le sue velleità neogaulliste, che datano della sua alleanza con Philippe Seguin. Esse però sono state cancellate da una troppo lunga coabitazione con la linea NATO ed europeista di Sarkozy.

Forse più attutiti, questi affrontamenti non sono minori nel PS, dove si svolgono in realtà in un campo di rovine. Tenuto conto del debolissimo risultato ottenuto alle elezioni europee, la questione per il PS è di ricostituire la « Sinistra plurale » di Lionel Jospin, ma anche di aprirla ad una parte del Centro. Questo è però più facile da dire che da fare. Se la minaccia del « fascismo », vedi il Fronte Nazionale etichettato con un appellativo tanto magniloquente quanto immaginario permette di serrare le file, se la paura della ripetizione dello scenario del 2002, per l’appunto con Lionel Jospin farà sicuramente riflettere due volte qualunque pretendente che voglia dimostrare la propria differenza a sinistra, il risultato non è per nulla assicurato. E questo per due ragioni. La prima non è altro che lo stato di rovina che lascia nella sinistra la presidenza Hollande a livello politico e ideologico. Raramente un’adesione all’ideologia bancaria sarà stata così completa e impudente, ma anche così inopportuna. Con quel sorriso beato da persona piena di sé, visibilmente François Hollande non si rende conto che rende odioso tutto ci che intraprende. La seconda è che se la svolta detta « della politica dell’offerta » può soddisfare in parte l’elettorato centrista, questa stessa svolta radicalizza le opposizioni sulla sinistra. A tal punto che anche se il Fronte di Sinistra si piegasse alla logica di una candidatura unica della « sinistra », manovra che sarebbe piuttosto ben accetta dal PCF, che eviterebbe di dover contare i propri membri, gran parte dei suoi elettori non lo seguirebbe. Ora, e i risultati del 25 maggio lo dimostrano, con le proprie forze ed il sostegno di EELV, il PS non arriva al livello del Fronte Nazionale. Esso deve dunque aggregarsi all’elettorato di sinistra, ma ciò rischia di essere impossibile se continua sulla linea attuale. In effetti, si tratta anche di una questione di persone. Se François Hollande, definitivamente discreditato, ridotto ad essere il « signor 3% » accetta di cedere il suo posto, tre candidature appaiono oggi possibili. Certamente, c’è in primo luogo quella del Primo Ministro, Manuel Valls, che però concentra su di sé molto odio, a sinistra come a destra, e non sempre immeritato. Martine Aubry può anch’essa vantarsi di poter essere una buona candidata, che sarebbe – forse – alla fin fine accettabile dalla sinistra dell’elettorato. Si porta dietro però gli affari interni del PS, che non ha voluto sistemare ai tempi in cui dirigeva questo defunto partito. Potrebbe allora emergere un terzo candidato, Arnaud Montebourg, che ha avuto buoni risultati alle primarie socialiste del 2011, una posizione [relativamente] chiara sulle questioni europee che lo renderebbe accettabile alla maggioranza degli euroscettici e delle posizioni che possono accontentare sia la destra che la sinistra, eccetto i militanti ecologisti. Restando però in un governo screditato, perde gran parte del credito che aveva potuto garantirsi in occasione degli affrontamenti con Jean-Marc Ayrault sulle pratiche industriali.

Dobbiamo dunque constatare che, in una situazione che continua a degradarsi sia economicamente che socialmente e politicamente [6] non appare alcuna soluzione « evidente » per risolvere la crisi di legittimità di cui soffre il governo. La Francia assomiglia ormai ad una nave senza timone mentre si alza la tempesta. La cosa più preoccupante in tutto ciò resta però il diniego babbeo delle difficoltà da parte di François Hollande. E’ come accendere una sigaretta su un barile di polvere da sparo.

 


[1] http://www.lesechos.fr/economie-france/conjoncture/0203491003557-l…cialistes-affliges-denonce-le-virage-pris-par-la-gauche-670215.php

[2] http://tempsreel.nouvelobs.com/politique/20140610.OBS9939/budget-ce-que-proposent-les-deputes-ps-frondeurs.html

[3] http://www.lemonde.fr/politique/article/2014/06/12/de-la-city-a-l-…e-le-profil-de-laurence-boone-irrite-la-gauche_4436558_823448.html

[4] http://www.bfmtv.com/video/bfmbusiness/lhumeur-jacques-sapir/jacques-sapir-vs-cyrille-collet-bce-satisfaction-marches-obligataires-mefiance-marches-actions-integrale-placements-10-06-1-2-203211/

[5] Sapir J., « Stupeur et Tremblement », RussEurope, le 26 mai 2014, http://russeurope.hypotheses.org/2320 ; in italiano : « Giorno di espiazione », http://russeurope.hypotheses.org/2408

[6]  http://www.lepoint.fr/societe/sondage-la-popularite-de-hollande-a-15-1-valls-a-30-3-12-06-2014-1835382_23.php

 

 

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s'est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *