LETTERA APERTA A FRANÇOIS HOLLANDE

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

Egregio Presidente della Repubblica,

Il nostro Paese conosce da ormai diversi anni una crisi profonda che continua ad aggravarsi. Lo confermano le ultime cifre, disastrose, pubblicate dall’INSEE. Con una crescita dello 0% nei primi sei mesi dell’anno, la situazione è oggettivamente grave. Questa crisi non cesserà finché non avremo adottato le misure necessarie. Le cifre smentiscono le varie dichiarazioni e proclamazioni che i Suoi governi e Lei stesso avevate fatto fin dal maggio 2012. Non c’è alcuna inversione della curva della disoccupazione e Lei passerà alla Storia come l’Hoover francese, che aspetta la crescita ad ogni crocevia. Bisogna ammettere la verità. La Francia si trova oggi ai limiti della deflazione e quest’ultima porterà ad una recessione ancora più profonda, con maggiore disoccupazione e maggiore miseria per la popolazione. Questa crisi ha anche conseguenze politiche importanti. Essa limiterà sempre di più i Suoi margini di manovre politiche. A parte questo, la Sua impopolarità, non immeritata, mette in discussione la Sua legittimità e la Sua capacità ad esercitare la funzione presidenziale.

Il risultato di errori sia strategici che tattici

Questa crisi è in parte il risultato di errori che sono stati commessi sia da parte del governo di François Fillon che da quello di Jean-Marc Ayrault e ormai di Manuel Valls. Ci fu innanzi tutto un errore strategico, che fu quello di credere di poter ridurre i deficit con una debole crescita e un’inflazione declinante. Solo la combinazione di una crescita E dell’inflazione permette ciò. Lei lo sa [o dovrebbe saperlo]. Il debito si riduce solo quando il deficit [espresso in percentuale del PIL nominale] è inferiore all’aumento del PIL nominale stesso. Allo stesso modo, un forte rialzo della crescita nominale porta meccanicamente al rialzo delle ricette fiscali, cosa che permette di ridurre il disavanzo di bilancio. Guardi le cifre: il deficit si stabilizzerà, come minimo, al 4% del PIL per il 2014. Con un’inflazione dell’ordine dello 0,5% e una crescita reale dell’ordine dello 0,5% [se siamo ottimisti], dovremmo diminuire le spese pubbliche del 3% del PIL per arrivare ad un stabilizzazione del debito. Lo shock recessivo che ciò provocherebbe ucciderebbe l’economia francese.

Questo errore strategico è stato peggiorato da un errore tattico. La credenza che la diminuzione delle spese pubbliche nette, che sia dovuta al rialzo dei prelevamenti o alla diminuzione delle prestazioni sociali, non avrebbe avuto impatti sulla crescita era erronea. Questo errore proviene dalla sottostima del moltiplicatore delle spese pubbliche, che si pensava fosse dell’ordine dello 0,5%, mentre era a quell’epoca compreso tra l’1,4 e l’1,6. Un errore supplementare, che fu commesso da François Fillon, come ai tempi da Alain Juppé, fu quello di non capire che la degradazione delle pensioni avrebbe spinto le famiglie a risparmiare di più e quindi a consumare di meno, con uno shock negativo sulla crescita. Questi tre tipi di errori hanno fortemente pesato sulla congiuntura economica della Francia dal 2011.

Davanti al dramma, Lei pensa di trovare una soluzione facendo saltar la regola del 3% di deficit, in atto dal Trattato di Maastricht. Se ci riuscirà, vorrà dire che il peso del debito, già elevato oggi, continuerà ad aumentare. E’ un espediente di breve durata, Signor Presidente ! Un giorno o l’altro, ci troveremo di fronte alla realtà. Ciò avrà anche conseguenze profonde sul funzionamento dell’Unione Europea. Se Lei non ci riesce, se i nostri partner, stufi delle continue tergiversazioni dei governi francesi che si susseguono, si rifiutano di rimettere in discussione questa regola, Lei si troverà politicamente isolato. Cosa resta dunque delle speranze generate dalla Sua elezione, della Sua volontà di federare i Paesi dell’Europa del Sud ? In effetti, Lei ha rovinato tutto questo quando ha deciso di firmare, con un codicillo ridicolo, il patto di stabilità. Signor Presidente, in politica la mancanza di coraggio si paga a caro prezzo.

Il peso dell’Euro

La situazione attuale ha però le sue radici anche in cause più profonde, prime delle quali l’unione economica e monetaria, la cosiddetta « Eurozona ». L’Eurozona costringe tutti i Paesi ad avere lo stesso tasso di inflazione. Ora, le condizioni strutturali dell’economia francese fanno sì che essa abbia un tasso di inflazione « naturale », ossia il tasso di inflazione compatibile con il pieno impiego dei fattori di produzione, superiore all’economia tedesca. Inoltre, in qualche anno si stabilisce una grande distanza di competitività tra i due Paesi. Peraltro, il tasso di cambio dell’Euro conviene alla Germania, ma non alla Francia. Se la Francia vuole avere un tasso di inflazione uguale alla Germania, dovrà avere una crescita molto inferiore alla sua « crescita potenziale ». Ora, ciò implica anche un debole investimento e di conseguenza una perdita di competitività nel senso del progresso economico e non più solo dei prezzi. Inoltre è chiaro che le relazioni tra la Francia e la Germania si degraderanno poiché questi due Paesi hanno bisogni opposti in materia di politica economica, ma anche demografica. La Germania, la cui popolazione decresce, può permettersi di avere una crescita debole. Il PIL per abitante aumenterà sempre più rapidamente del PIL. Per quanto riguarda la Francia, se essa vuole che il PIL per abitante aumenti, deve avere una forte crescita. L’incompatibilità dei bisogni in politica economica di questi due Paesi condanna l’Eurozona, oppure condanna l’uno a subire la politica dell’altro. Questa situazione porta in sé il rischio di nuovi conflitti in Europa. Lei che si dimostra sempre così empatico in occasione della commemorazione del centesimo anniversario della guerra 1914-1918 dovrebbe esserne consapevole. L’Euro uccide la Francia, ma ucciderà anche l’Europa.

Di tutto ciò Lei venne informato fin dall’estate 2012. Ha però preferito fare il furbo quando invece i problemi esigevano decisione e coraggio.  Ancora una volta, in politica,  la mancanza di coraggio si paga a caro prezzo.

Guardi in faccia alla realtà

Eccoci davanti alla domanda essenziale : bisogna restare nell’Eurozona ? Il solo argomento che Le resta è quello politico. Lei sostiene che la fine dell’Euro significherebbe la fine dell’Unione Europea. Ma l’UE sta agonizzando sotto i nostri occhi. Dov’era quando bisognava intervenire nel Mali ? Dov’ è quando si tratta di portare un aiuto militare decisivo alla regione autonoma del Kurdistan ? Per gestire queste situazioni critiche ci ritroviamo soli, come sempre, o con alleati che non hanno niente a che vedere con l’UE. Eppure, per far fronte a queste crisi le nostre forze diminuiscono e ciò in gran parte a causa delle conseguenze dell’Euro, ma anche delle politiche che vennero scelte per così dire « salvare » l’Eurozona. La nostra economia declina, la nostra industria crolla. Le nostre forze armate sono in condizioni tragiche di indigenza. Signor Presidente, Lei deve guardare la realtà in faccia. Anche se è sgradevole, anche se implica che alcune cose in cui Lei aveva investito molto si rivelano sbagliate, non può non farsi un esame di  coscienza. Ha voluto la posizione che occupa oggi. Si è adoperato da anni per ottenerla. La fortuna è venuta in aiuto alla Sua ambizione ed è stato eletto Presidente della Repubblica. Questa posizione implica, anzi esige, che Lei sia pronto a liberarsi dei frammenti morti della Sua ideologia.

Delle scelte radicali

Signor Presidente, la gravità della situazione esige da parte Sua atti gravi, atti decisivi. Deve riconosce che il governo Valls è un fallimento e trarne le conseguenze. Deve soprattutto mettere al più presto la Germania davanti alle sue responsabilità. Nessun Paese, in seno ad un’unione economica e monetaria, può avere l’eccedenza strutturale che essa ha. Deve dunque o uscire dall’ UEM o prendere atto del fatto sarà la Francia ad uscire dell’Eurozona, soluzione, questa, più probabile. Stia tranquillo, non usciremo da soli. Non appena l’annuncio della nostra uscita sarà reso pubblico, e questo, Lei lo sa, si può fare molto rapidamente, l’Italia, la Spagna, il Portogallo e il Belgio annunceranno che ci imiteranno. Seguirà velocemente la Grecia. L’esplosione dell’Eurozona renderà possibile alla Francia far sentire nuovamente la propria voce. Potrà essere firmato con alcuni di questi Paesi un accordo di co-fluttuazione dei cambi. La svalutazione che si produrrà, sia rispetto alla Zona Dollaro, sia rispetto alla Germania, ridarà all’economia francese la forza necessaria per far fronte alle sfide del XXI° secolo.

Signor Presidente, può ancora riprendere in mano la situazione, ma non per molto. Può scegliere. O, dopo aver nominato un nuovo governo e soprattutto un nuovo Primo Ministro, un uomo deciso, ma anche un uomo che abbia esperienza, prende la decisione di mettere la Germania di fronte alla realtà e di uscire dall’Euro. Con questo gesto Lei potrà ridiventare il dirigente-chiave dell’ Europa del Sud. Oppure, per evitare il marasma in cui sta profondando ogni giorno di più, riconosce il proprio fallimento e dà le dimissioni. Sarebbe un nobile gesto da parte Sua riconoscere la responsabilità degli insuccessi dal maggio 2012. Sappia però che, ad ogni modo, se Lei non fa né una cosa né l altra è condannato ad un’impopolarità sempre maggiore, ad una perdita di legittimità sempre più profonda che minaccia la Sua funzione e tramite essa la Repubblica e, al massimo, sarà condannato ad un’uscita discena sotto le grida del popolo.

 

Le porgo saluti rattristati, ma ferocemente repubblicani.

 

Jacques SAPIR


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *