E la nave va…

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

mistral

Il Presidente della Repubblica ha appena deciso di « sospendere » la consegna alla Russia della prima nave Mistral, che avrebbe dovuto svolgersi nel novembre 2014. Questa decisione è l’esempio stesso dell’incompetenza e dell’incongruenza che caratterizza la politica estera della Francia da diversi anni. E’ una decisione incongrua poiché, se avessimo voluto entrare nelle grazie dei Paesi della Nato e degli Stati Uniti, avrebbe dovuto essere presa più di due mesi fa. E’ una decisione incongrua poiché non può fare altro che provocare la collera della Russia che vede prodursi questo rovesciamento della posizione francese proprio quando si parla di un possibile cessate il fuoco in Ucraina. In realtà, con questa decisione François Hollande mette la Francia fuori gioco in una possibile risoluzione della crisi ucraina e questo proprio nel momento in cui si impone la questione di una soluzione politica. Hollande contribuisce ad aggravare la situazione e dà implicitamente ragione a tutti i buttafuoco che girovagano oggi da Bruxelles a Varsavia.

Questa decisione non è però solamente una prova di incompetenza. Pronunciando la « sospensione » della consegna, François Hollande pretende di giocare con l’ambiguità di un termine, che non è quello dell’annullamento di un contratto. Se pensa che la Russia e gli Stati Uniti siano vittime di questa pietosa astuzia di linguaggio, si sbaglia. Non si dirige la politica estera di un Paese come la Francia allo stesso modo in cui si dirige il Partito Socialista, che fu l’unica responsabilità di ordine nazionale che François Hollande esercitò nella sua carriera prima di venire eletto Presidente della Repubblica. Pensando di essere sottile,  quando invece manca totalmente di accortezza, manda a tutti i nostri alleati un messaggio odioso, quello di un’imitazione servile senza princìpi, di un’indecisione patologica, di un’incapacità di decidere e di attenersi alle proprie decisioni.

Questa decisione è anche disastrosa per l’industria francese. Chi si fiderà più della parola della Francia ? Le possibili conseguenze di questa « sospensione », se si rivelasse essere in realtà un annullamento, andrebbero ben oltre il miliardo di Euro che è stato pagato dalla Russia e che dovremmo rimborsare, senza contare le penalità per rottura del contratto. François Hollande, con la sua incongruenza, ha appena inflitto un duro colpo all’industria francese. I lavoratori dell’industria navale apprezzeranno questo, così come tutti i salariati che realizzano oggi contratti in Russia e che potrebbero, in un prossimo futuro, vedere tali contratti annullati come vendetta.

C’è infine un’ultima dimensione in questa penosa faccenda che testimonia che tipo di uomo è, o meglio non è, François Hollande. Diremo che con questa dichiarazione François Hollande si è comprato a buon mercato la pace per la riunione della NATO che deve tenersi domani, nella quale sarebbe stato messo sul banco degli imputati da Obama ed da alcuni altri. Non osiamo immaginare la reazione che avrebbe avuto il Generale de Gaulle o addirittura Mitterand in questa situazione. Ma soprattutto questa « pace » personale, comprata a prezzo dell’impiego di migliaia di operai, non fa altro che dare tristemente ragione al libro appena pubblicato da Valérie Trierweiler, l’ex amante, congedata, del Presidente. Essa conferma che è un uomo capace di piccoli calcoli, ma anche di grande disprezzo verso tutti coloro che egli definisce « senza denti », tutti quei poverini che pagano il prezzo della sua politica. I Francesi rischiano fortemente di non dimenticarlo e di non perdonarlo.


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s'est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *