9 MAGGIO 1945

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic 

Le commemorazioni del 70° anniversario della fine della seconda guerra mondiale il prossimo 8 e 9 maggio hanno una forte carica simbolica. Ci invitano a guardare la nostra storia, ma anche cio’ che ne facciamo. La prima guerra mondiale, le cui celebrazioni del centenario continueranno fino al 2018, ha segnato la fine del XIX secolo. Così come le altre guerre dall’inizio del secolo calendario, essa conteneva elementi che ritroveremo nella seconda guerra mondiale, come i “campi di riconcentramento”, immaginati da Kitchener durante il secondo conflitto Anglo-Boero [1] o anche il genocidio armeno, commesso dalle autorità ottomane nel 1915. Questo vale anche per le forme della guerra ; la “guerra di trincea” è stata concepita durante l’assedio di Port Arthur durante il conflitto Russo-Giapponese del 1904 – 1905. Dobbiamo quindi riconoscere che la prima guerra mondiale ha significato il passaggio dell’Europa, e al di là del mondo, in un nuovo universo fatto di violenza industrializzata, con una graduale eliminazione della distinzione tra civili e militari. Ma la seconda guerra mondiale ha in gran parte costruito il nostro immaginario e i nostri riferimenti politici. Non è, non è più, la « continuazione della politica con altri mezzi », per citare Clausewitz. La seconda guerra mondiale è il primo conflitto in cui l’ideologia ha progressivamente preso il sopravvento sul calcolo razionale.

Causalità

Nel campo dell’insegnamento non è più di moda evocare la questione delle cause dei conflitti. Preferiamo cullarci in una vittimizzazione generale. Non che il punto di vista del “soldato di base” o del semplice civile non sia importante. Ma questo non deve offuscare la questione delle responsabilità del conflitto. E per capire questa questione delle responsabilità, bisogna necessariamente insegnare le cause, ma anche lo svolgimento del conflitto. A questo proposito, i nuovi programmi di storia delle scuole medie e del liceo sono veramente carenti.

Non è possibile parlare della seconda guerra mondiale senza affrontare la questione degli accordi di Monaco e in particolare il fatto che gli anglo-francesi si separarono dai russi per trattare con Hitler [2]. Possiamo discutere a lungo se la Francia e la Gran Bretagna avessero davvero bisogno di questi accordi. Oggi conosciamo la dimensione del bluff di Hitler la cui aviazione non è per niente pronta, anche se allinea attrezzature più moderne di quelle dei britannici e dei francesi. Le manovre dell’inizio settembre 1938 si chiuderanno del resto con un tasso incredibile di incidenti. Non bisogna nemmeno sottovalutare l’aiuto che l’Unione Sovietica era pronta a portare alla Francia, in particolare con la fornitura di aerei moderni (I-16). Infine, l’esercito cecoslovacco era tutt’altro che trascurabile. Va qui notato che i carri armati cechi equipaggiavano due divisioni blindate tedesche nel maggio 1940. Ma l’importanza di questi accordi è che essi hanno convinto Stalin, già in preda ad una sorta di paranoia sospettosa, che i francesi e britannici non volevano la guerra contro Hitler. In Gran Bretagna, solo Winston Churchill ebbe un discorso forte e profetico sulla guerra a venire [3].

Egli fu confortato in questa idea dall’accordo tra la Germania e la Polonia (che approfitto’ dell’accordo di Monaco per appropriarsi di un pezzo di territorio cecoslovacco), il quale provoco’ lo smembramento della Cecoslovacchia rimanente nel marzo 1939. Qui dobbiamo sottolineare la stupidità del governo polacco (e la sua cecità). Si alleò con la Germania, quando era il prossimo sulla lista delle vittime.

Questo chiarisce il patto tedesco-sovietico dell’agosto 1939. Di questo patto, una parte è pienamente giustificata. Capendo che i britannici e i francesi non sono affidabili, Stalin cerca di mettere l’URSS fuori pericolo. Un’altra parte tuttavia chiarisce le tendenze imperialiste di Stalin, quando negoziò segretamente con Hitler l’annessione dei Paesi Baltici e di una parte della Polonia. Tuttavia, dedurre da cio’ un’ “alleanza” tra Hitler e Stalin sarebbe titare conclusioni affrettate. Le truppe sovietiche che entrano in Polonia il 17 settembre 1939 hanno ordine, nel caso le truppe tedesche non rispettino le loro « zone di occupazione », di “spazzarle via”.

Stalin di fronte a Hitler.

In effetti, Stalin sa che una guerra con la Germania nazista è inevitabile. Egli spera semplicemente di ritardarne lo scoppio il più a lungo possibile. L’interruzione del programma navale del 3° piano quinquennale nel settembre 1940 e il trasferimento dell’acciaio per la costruzione di carri armati supplementari, è bene la prova che Stalin sa che il conflitto sarà inevitabile. Egli commette pero’ l’errore di pensare che Hitler sia una persona razionale. Convinto che la Germania non attaccherà l’Unione Sovietica finché continuerà la guerra contro la Gran Bretagna, Stalin, insieme alla direzione sovietica, viene sorpreso dalla decisione di Hitler di attaccare nel giugno 1941.

Nel gennaio 1941 si tennero due “giochi di guerra” (Kriegspiel) al Cremlino, il primo dal 2 al 6 gennaio e il secondo dal 7 al 14 gennaio [4]. Il primo fu un gioco difensivo nel quale le forze sovietiche vennero affidate al maresciallo Pavlov e le forze tedesche (o “blu” nella terminologia sovietica) alle forze del generale G.K. Zhukov. Quest’ultimo circondo’ le forze sovietiche e sbuco’ rapidamente a est. Le carte di questo primo “gioco” sono interessanti perché si rivelano essere molto simili alla manovra fatta in realtà dalle forze tedesche. Notiamo già che, se Stalin avesse effettivamente creduto alle parole di Hitler, non si vedrebbe la necessità di questo “gioco”, fatto per ordine suo e in sua presenza, al Cremlino. Il secondo “gioco” aveva lo scopo di testare una controffensiva e vide gli avversari di ieri scambiarsi rispettivamente i campi. Zhukov, ormai a capo delle forze sovietiche, non solo fermo’ l’avanzata tedesca, ma condusse una controffensiva che doveva portarlo fino alle porte della Romania e dell’Ungheria.

Un terzo “gioco”, che conosciamo ancora meno, si tenne sempre al Cremlino all’inizio febbraio 1941. Questo nuovo « gioco » testo’ un’offensiva tedesca che sarebbe stata lanciata dalla regione di Bobruisk a Smolensk e l’importante « ponte di terra » tra la Dvina e il Dniepr che domina l’accesso a Mosca. Esso implica dunque che Stalin si era deciso a far penetrare profondamente l’esercito tedesco nel territorio dell’URSS. In questo « gioco », Zhukov applico’ una difesa scaglionata per sfinire dapprima il potenziale delle divisioni corazzate tedesche, poi passo’ ad una controffensiva da entrambe le ali. Ciò corrisponde allo scenario che verrà applicato a Kursk nel luglio 1943. Questo « gioco » dimostro’ la superiorità di una battaglia di arresto, seguita da una controffensiva su un’offensiva di prelazione. Esso dimostra che a questa data non si può più mettere in dubbio la serietà con cui veniva considerata la possibilità di un attacco tedesco.

Ma Stalin resta convinto che questa guerra non scoppierà prima del 1942 o 1943. E in cio’ si sbaglia. E nell’atmosfera di terrore e di sospetto che regna al Cremlino, questo è sufficiente a screditare le informazioni risalenti fin da marzo-aprile 1941 sui preparativi tedeschi. Aggiungiamo che l’Armata Rossa era nel mezzo di quella che lo storico militare americano David Glantz ha chiamato una « crisi istituzionale » [5], a cui si aggiunge la perdita delle comunicazioni con i gradi avanzati. Fu questo, in effetti, uno dei motivi principali della confusione che regnava nei primi giorni dell’attacco a Mosca.

Aggiungiamo che Stalin annuì alle richieste di Zhukov dei mesi di aprile e maggio 1941 [6], fatta eccezione per il segnale di allerta dei distretti di confine, dal momento che poteva essere considerata come una « provocazione » dai tedeschi. La frase con cui Vasilevsky svegliò Zhukov la mattina del 22 giugno, « è cominciata » [7], dimostra che i capi dell’esercito erano al corrente.

Le tre guerre di Hitler

Bisogna anche ricordare che in questo conflitto, e se mettiamo da parte gli scontri in Cina e nel Pacifico, si sovrappongono tre guerre. Anche questa sovrapposizione dà a questo conflitto la sua natura profonda.

La prima delle guerre è una guerra per il dominio europeo. Quando Hitler attacca la Polonia, poi si volge contro la Gran Bretagna e la Francia, non fa altro che riprendere i sogni di Guglielmo II e della Germania imperiale. Ma, in gestazione in questa guerra, contenuto nelle atrocità certo ancora limitate che l’esercito tedesco commette in Polonia, ma anche nel nord della Francia dove soldati britannici e della fanteria coloniale francese vengono sommariamente giustiziati, si trova la seconda guerra dei nazisti. Dobbiamo dunque ricordare che le violenze e i crimini dell’esercito tedesco non furono solo opera delle truppe naziste, e che cominciarono molto presto nel conflitto.

Questa seconda guerra si apre completamente durante l’attacco all’Unione Sovietica nel 1941. È una guerra di assoggettamento delle popolazioni slave e particolarmente – ma non esclusivamente – della popolazione russa. La Francia ricorda con orrore e tristezza la strage commessa nel giugno 1944 dal Das Reich in Oradour-sur-Glane ; ma si possono contare a centinaia i villaggi martirizzati dall’esercito tedesco e non necessariamente le unità dei SS, in Bielorussia, i Russia e in Ucraina orientale. La ferocia dei soldati tedeschi sulla popolazione, ma anche della popolazione tedesca sui lavoratori, uomini e donne, rapiti e trattati come schiavi sul territorio del Reich, non ha avuto limiti. La violenza di questa guerra è stata la molla che ha fatto scatenare un odio implacabile che si abbatterà sul popolo tedesco nel 1945.

La terza guerra inizia allo stesso tempo, ma assume un significato speciale nel momento in cui crollano le prospettive di vittoria della Germania, è la guerra di sterminio contro la popolazione ebrea. La questione di quello che è conosciuto come “Olocausto di pallottole” dimostra che tutto l’esercito tedesco collabora, con rare eccezioni, a questi massacri. Ma l’ « Olocausto di pallottole” mette anche in luce la partecipazione degli ausiliari, principalmente ucraini, in questi massacri dove perirono circa1,3 milioni di persone. Tuttavia, è dopo la sconfitta subita davanti a Mosca che questa terza guerra si radicalizza con volontà appurata del regime nazista di sterminare tutti gli ebrei nei territori che esso controlla. Questa guerra prenderà una piega ossessiva, come dimostra il sussidio di mezzi di trasporto di cui l’esercito tedesco aveva ancora disperatamente bisogno nel programma di sterminio. Nell’estate del 1944, quando l’esercito tedesco si ritira sotto i colpi delle offensive dell’Armata rossa, che sia Bagration o l’operazione Iassy-Kishinev, il potere nazista requisisce centinaia di treni, spende centinaia di tonnellate di carburante per portare alla morte più di 400 000 ebrei ungheresi. In questo, la guerra di sterminio e il suo simbolo, le camere a gas, sono tutt’altro che un dettaglio.

Una guerra ideologica.

Di fatto, questa terza guerra diventa un “vera” guerra per Hitler e i suoi fanatici, l’unica che essi sperano di vincere. Essa serve anche al regime nazista a saldare intorno a lui la popolazione tedesca e gli alleati del momento che ha potuto trovare, a causa l’orrore dei crimini commessi. Se la guerra di sottomissione intrapresa contro le popolazioni slave ha reso poco probabile una pace di compromesso nell’Est, la guerra di sterminio, il cui principio era noto ai sovietici fin dagli inizi del 1942 e agli inglesi e agli americani dalla metà del 1942, ebbe l’effetto di indurire fino l’inimmaginabile il conflitto ad Ovest. Attraverso queste due guerre, la Germania nazista poteva solo o vincere o perire e, fin dall’inizio del 1943, Hitler stesso è convinto che non può più trionfare militarmente.

Non gli rimane altro che organizzare, con vari pretesti, quella gigantesca pira funebre che fu la battaglia di Berlino. Nessuna delle azioni militari intraprese dopo Kursk ha senso militarmente. Possiamo anche mettere in discussione la credenza dei nazisti sulle « armi segrete » che costituiscono sicuramente un forte nucleo di propaganda, ma la cui efficacia militare è effettivamente molto debole. La realtà è che, avendo commesso l’irreparabile, il regime nazista ha tagliato i ponti con il mondo del calcolo razionale e della logica di guerra clausewitziana. Quest’ultima non ha più senso al di fuori del significato ideologico del darwinismo sociale, che è intrinseco all’ideologia nazista.

La guerra di sottomissione e soprattutto la guerra di sterminio trasformano la natura della seconda guerra mondiale. Quest’ultima non è la ripetizione, più violenta, della guerra imperialista del 1914. Quando le truppe sovietiche libereranno Majdanek [8] alla fine del mese di luglio 1944, il mondo – inorridito – avrà la prova del progetto omicida della Germania nazista. Dobbiamo segnalare che bisognerà aspettare diversi mesi perché la stampa britannica e americanano diffonda ampiamente queste informazioni. In realtà, bisognerà attendere che le truppe inglesi e americane liberino a loro volta i campi di concentramento. Ma tutti i campi di sterminio furono liberati dalle truppe sovietiche.

Il Tribunale di Nuremberg ha preso atto della specificità della seconda guerra mondiale. Creando la nozione di “crimini contro l’umanità” e dichiarando la loro natura imprescrittibile, esso ha voluto sottolineare la differenza fondamentale tra la prima e la seconda guerra mondiale. Ma la guerra fredda ha impedito di riconoscere pienamente questa logica.

Commemorazione e politica

La commemorazione della vittoria sul nazismo non è dunque quella della vittoria di un Paese (o di gruppo di Paesi) su un altro, perché la seconda guerra mondiale è non una guerra come un’altra. La dimensione della vittoria qui è molto diversa. Le guerre di sottomissione e di sterminio hanno dato a questa vittoria un significato universale, quello di una liberazione. È cio’ che cerca di negare il potere di Kiev con il progetto di legge 2538-1, dove si mettono sullo stesso piano i carnefici e le vittime. Questo ha suscitato le proteste degli storici provenienti di tutto il mondo [9]. Questa vittoria, tenuto conto del suo significato, non può e non deve essere sfruttata per scopi politici.

L’Unione Sovietica porta il peso più pesante e ha dovuto affrontare fino al novembre 1943 quasi il 70% delle truppe hitleriane. Sarebbe normale, sarebbe giusto che, al di là dei conflitti che possono opporre i leader francesi e russi, il Presidente francese, o almeno suo primo ministro, si recassero a Mosca per il 9 maggio. Ne va dell’onore e della credibilità della Repubblica.

 

[1] Farwell, Byron (1976). The Great Anglo-Boer War. New York: Harper and Row.

[2] Michel Winock, Nora Benkorich, La Trahison de Munich : Emmanuel Mounier et la grande débâcle des intellectuels, CNRS éditions, 2008.

[3] « They had to choose between war and dishonor. They chose dishonor; they will have war. » Hyde, Harlow A. (1988). Scraps of paper: the disarmament treaties between the world wars. page 307: Media Publishing & Marketing,

[4] B. Fulgate et L. Dvoretsky, Thunder on the Dnepr, Presidio Press, 1997, 2001.

[5] D. Glantz, Before Stalingrad: Barbarossa, Hitler’s Invasion of Russia 1941, Tempus, 2003.

[6] In particolare, il ricordo di 800 000 riservisti e il trasferimento di 4 eserciti di distretti militari all’interno del Paese verso le frontiere occidentali. Vedi Général S.P. Ivanov (ed.) Nachal’nyj Period Vojny, [La période initiale de la guerre] – Moscou,Voenizdat, 1974, chap.8

[7] In russo « Eto natchalo ».

[8] Jozef Karszalek, Maïdanek, histoire et réalité du camp d’extermination, Rowohlt, Hambourg, 1982

[9] http://krytyka.com/en/articles/open-letter-scholars-and-experts-ukraine-re-so-called-anti-communist-law

[9] http://krytyka.com/en/articles/open-letter-scholars-and-experts-ukraine-re-so-called-anti-communist-law

 

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *