SULLA LOGICA DEI « FRONTI »

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

Il dibattito generato dall’intervista con FIGAROVOX risulta essere estremamente istruttivo poiché ci si può leggere lo stato della (non) riflessione di certa gente. Vorrei ancora sottolineare che le differenze tra il testo pubblicato su FIGAROVOX [1] e il testo del blog (dove l’argomento è molto più sviluppato [2]) sono fatte di proposito. Mi è sembrato che l’intervista fosse già molto lunga. Ma questo dibattito non riflette (solo) lo stato intellettuale di una parte degli attivisti e simpatizzanti di sinistra. Si possono leggere in esso anche dei veri e propri interrogativi sulla strategia politica che dovrebbe adottare un « fronte di liberazione nazionale » per riprendere l’espressione di Stefano Fassina [3] o quello che io personalmente chiamo un “fronte anti-Euro”. Lo scopo di questa nota sarà pertanto di chiarire o di precisare alcuni punti. Non ci si stupisca se il vocabolario impiegato può apparire desueto (per chi se ne ricordasse). È che la questione dei « fronti » ha una lunga storia. Ma che non ci siano equivoci su questo vocabolario. Verrà utilizzato solo se necessario.

1 – Le caratteristiche del periodo

Qualunque riflessione sulla strategia politica è radicata in un’analisi del periodo politico, nonché economico. Quello che stiamo vivendo ha preso nascita dal ribaltamento accaduto negli anni 1970 e 1980 e che ha prodotto la finanziarizzazione del capitalismo. Non che la finanza fosse qualcosa di nuovo. Ma, attraverso i processi di innovazione finanziaria che si sono sviluppati a partire dal 1971-1973, la finanza è diventata progressivamente più autonoma dalle attività produttive in una prima fase, poi si è costituita al di sopra di queste ultime in una seconda fase. Oggi, la finanza riscuote una rendita sempre più grande sulle attività produttive, e questo si traduce nell’apertura impressionante del divario tra l’1% più ricco della popolazione e il resto di essa. Ne deriva anche ciò che è stato chiamato « i trenta anni pietosi » in opposizione ai « trenta anni gloriosi », e che sono caratterizzati dall’aumento della disoccupazione di massa e una crescita debole.

In questo processo di finanziarizzazione, un momento decisivo in Europa è stata l’istituzione dell’Euro (per chiamarlo col suo vero nome: Unione Economica e Monetaria o EMU). Le istituzioni delle economie che hanno adottato l’Euro si sono trovate progressivamente modificate, che si tratti delle istituzioni monetarie, che furono naturalmente le prime ad essere colpite, ma anche delle istituzioni produttive (a causa della distorsione significativa di concorrenza indotta dal tasso di cambio fisso a lungo termine) e, infine, delle istituzioni sociali. Quello che oggi viene chiamato « austerità » non è altro che il risultato di questo cambiamento istituzionale. L’austerità è la figlia legittima dell’Euro; dal 2010 è diventata la sua cara figliola. Dopo aver tentato di giocare d’astuzia con quest’ultimo negli anni 1999-2007, Paesi come la Francia, la Spagna o l’Italia, il Portogallo e la Grecia sono stati costretti, a ritmi e condizioni specifici per ciascuno, ad entrare nella costrizione dell’austerità. La dominazione della tematica di austerità sulla vita politica di questi Paesi corrisponde anche al radicamento della finanziarizzazione che l’Euro permette.

Ma l’Unione Economica e Monetaria ha indotto anche, e oggi si può presumere che tale era il vero obiettivo di coloro che hanno istituito l’Euro, cambiamenti significativi nella forma e nei metodi di governance politica. Ne deriva l’oscillazione verso un mondo di diniego sistematico della democrazia. Bisogna prendere in considerazione che la moneta unica non è solo uno strumento della finanziarizzazione. Essa stessa si è resa gradualmente più autonoma ed è diventata una forma di governo che ha conseguenze sempre più grandi sulla politica di gestione dei Paesi. I parlamenti nazionali vengono progressivamente privati delle loro prerogative sovrane, soprattutto – ma non solo – dal trattato sulla stabilità che è stato ratificato nel settembre 2012. Questa espropriazione della sovranità popolare e della democrazia è a beneficio di un solo Paese, la Germania. Ha conseguenze politiche di vasta portata sulle rappresentazioni dei popoli e al tempo stesso sui meccanismi politici, sia all’interno dei diversi Paesi sia tra di essi. Questo è uno dei principali fattori che provocano comportamenti anti-democratici nei Paesi europei. Una delle conseguenze dell’Euro è l’accentuazione degli effetti di competizione e di concorrenza tra i Paesi, effetti che ormai minacciano direttamente la pace in Europa.

Così, ci troviamo ancora una volta di fronte a contraddizioni sociali estremamente forti, sia all’interno di ogni Paese, sia tra i diversi Paesi. Stiamo nuovamente affrontando un periodo di disordini e rivoluzioni.

2 – I compiti del periodo

Le istituzioni messe in atto nel corso del periodo, e in particolare nell’attuale fase di dominazione della finanza, costituiscono un insieme che fa sistema. Ma in Europa si percepisce il posto centrale occupato dall’Euro. Questo è ciò che oggi fa della distruzione dell’Euro l’obiettivo strategico. Qualsiasi tentativo di uscire dalla finanziarizzazione e dall’austerità rimanendo nell’ambito dell’Euro è destinato a fallire. Abbiamo potuto costatare ciò con gli eventi che si sono svolti in Grecia quest’anno. A partire dal momento in cui il governo greco accettava come condizione della sua politica il fatto di restare nell’Euro, si giocava la testa, come dimostra il diktat che gli fu imposto il 13 luglio. Nell’attaccare direttamente l’Euro, invece, si apre una breccia nel sistema istituzionale. Una volta abolito l’Euro, parte delle istituzioni esistenti diventano incoerenti (comprese le istituzioni dell’Unione europea) e ridiventa possibile la loro sostituzione o la loro evoluzione. Ma dire questo implica che ci situiamo nell’universo dei possibili, non della certezza. L’abolizione dell’Euro non porterà automaticamente a questo risultato. Ma finché l’Euro rimarrà in vigore non sarà possibile alcun cambiamento. La distruzione dell’Euro è quindi una condizione necessaria ma non sufficiente.

Non bisogna dunque limitarsi alla sola distruzione dell’Euro (che è un prerequisito) ma pensare anche che cosa potrebbe accompagnare questa distruzione e la ricostruzione che seguirà. Ciò implica un progetto complessivo di ricostruzione dell’economia con implicazioni in materia di denaro e operazioni bancarie, nella produzione, nelle misure sociali e ambientali, nella fiscalità, ecc… È chiaro anche che la distruzione dell’Euro obbligherà a ripensare le forme e i processi di inserimento della Francia (o di qualsiasi altro Paese) a livello internazionale. La distruzione dell’Euro porterà alla messa in opera di un’altra forma di politica estera, nonché a una ridefinizione delle nostre relazioni con i Paesi europei. Questo progetto è considerevole. Esso implica un grado di consenso nell’opinione pubblica, consenso che può essere costruito solo su una convergenza di opinioni, ossia specifici accordi su un certo numero di punti. La lotta contro l’Euro comporterà un’alleanza indipendentemente dalla forma (e potrebbe limitarsi ad una forma implicita). Tuttavia, questa alleanza dovrà estendersi alle misure di accompagnamento immediato della distruzione dell’Euro. La migliore analogia potrebbe essere con il programma del CNR che non mirava solo alla liberazione del territorio, ma aveva anche l’obiettivo di importanti riforme della società francese.

3 – L’ipotesi di Stefano Fassina

Data la sua posizione centrale nel meccanismo di dominazione capitalista attuale e dato lo stato di soggezione in cui vive la Francia (e la sovranità popolare), questa lotta contro l’Euro può essere paragonata ad una lotta per la liberazione nazionale. Questo termine è stato utilizzato per la prima volta da Stefano Fassina. Egli chiama all’istituzione di « fronti di liberazione nazionale » nei diversi Paesi che sono stati assoggettati alla logica di austerità e alle mire della Germania e viene – in parte – seguito in questo da Romano Prodi [4], l’ex primo ministro italiano.

Questo tipo di vocabolario, se ha una capacità di richiamo molto importante, tuttavia solleva il problema di che cosa nominare con il termine “logica frontista”. Questa logica frontista viene combattuta da coloro che pensano che il problema si riduca ad un affrontamento globale tra il capitalismo e i “rivoluzionari” e che non sono disposti a fare compromessi in nome della coerenza di questa lotta. L’argomento più importante contro la “logica frontista” è che i compromessi necessari che devono attuare le forze di sinistra impediscono loro di costruire le mobilitazioni popolari che sono i loro unici punti di sostegno. Le forze di sinistra si troverebbero pertanto disarmate da una logica che sottopone la dinamica generale della lotta agli obblighi della costituzione di un « fronte ». Esse perderebbero in entrambi i casi, sia prima di aver raggiunto il primo obiettivo, sia immediatamente dopo la realizzazione di questo obiettivo durante la fase detta “di sfruttamento » della vittoria iniziale [5]. In questa critica della logica frontista, si dovrebbe passare istantaneamente e con meno mediazioni possibili dall’obiettivo di tappa all’obiettivo generale. Ma questa critica si basa in realtà su una teorizzazione della Rivoluzione Russa che ha poco a che vedere con quella che fu la pratica effettiva dei Bolscevichi. Infatti, gli obiettivi che garantirono il successo del movimento rivoluzionario furono essenzialmente obiettivi riformisti, cementati dal consenso nazionalistico, una volta provocato l’intervento straniero contro la rivoluzione.

Ma è anche evidente che la sottoposizione troppo rigida delle diverse forze all’obiettivo immediato, l’incapacità (o la mancanza di volontà) di pensare « il dopo » sono stati fattori significativi di indebolimento della lotta. Nel caso delle lotte svolte contro la colonizzazione, i movimenti che hanno avuto successo sono quelli che sono stati in grado di associare le dinamiche della lotta immediata per l’indipendenza a prospettive di costruzione della società post-coloniale. Di conseguenza, la convalida di una strategia di “fronte” non è una questione di principio. Essa si basa su una serie di regole che possiamo enunciare come segue:

  • Preparazione del « dopo », subito nella fase iniziale della lotta.
  • Mantenimento dell’autonomia sia strategica che politica delle forze che cercano di promuovere un reale cambiamento sociale.
  • Capacità di raccogliere intorno al “fronte” il maggior numero e di isolare l’avversario.

4 – La logica dei fronti

Si capisce immediatamente che nessun partito o movimento potrà da solo portare il programma relativo al « dopo”. Si impone pertanto la questione delle alleanze e con essa quella della loro forma. Le alleanze possono essere ridotte al minimo in certi casi (un tacito patto di non aggressione), così come possono essere maggiormente sviluppate (partecipazione congiunta a strutture politiche, o anche a governi).

Questa questione delle alleanze si pone nell’immediato, per poter avere la forza necessaria a superare gli ostacoli di ogni genere che sorgeranno tra le forze anti-Euro e la distruzione di quest’ultimo. Non dobbiamo avere alcun dubbio circa il fatto che, nella difesa dell’Euro, avremo buona parte delle forze politiche tradizionali, le banche e i grandi imprenditori, ma anche gran parte dei « prescrittori di opinioni » della stampa. Una gran parte di queste forze è transfrontaliera, che si tratti di partiti politici o di ambienti d’affari. Queste forze susciteranno tutte le forme possibili di divisione. Ciò significa che se la battaglia avrà luogo nominalmente nel contesto francese, essa opporrà di fatto delle forze internazionali sul “fronte” che combatterà l’Euro.

In queste circostanze, diventa chiaro che una delle chiavi per il successo di questo fronte sarà invece la capacità di unire la popolazione francese e parte della piccola borghesia e di portare la scissione tra gli avversari. Bisognerà mostrare in che termini la grande maggioranza della popolazione potrà beneficiare della soppressione dell’Euro, che si tratti delle categorie più svantaggiate o di alcune categorie di titolari di PME e di PMI. L’assenza o la debolezza delle rappresentazioni politiche di queste ultime categorie implica che la battaglia per vincere al “fronte” anti-Euro sarà basata essenzialmente su temi ideologici e sulla capacità di mantenere l’attività corrente ad un livello normale. Ricordiamoci della fortissima pressione esercitata dalla Banca Centrale Europea sulla società greca organizzando una crisi di liquidità in questo Paese. Ma bisognerà anche dividere l’avversario e convincerlo, nella rappresentazione che ne fa, che la distruzione dell’Euro è inevitabile al fine di generare in esso un comportamento di “si salvi chi può’” che rapidamente disarticolerà la sua capacità di azione e reazione. Il fenomeno delle predizioni che si auto-avverano deve poter giocare a scapito dell’avversario. Ciò significa che le proposte come quelle di un “piano A” discusso razionalmente (e che può avere certa validità teorica), o di un referendum sull’Euro dovranno essere abbandonate molto rapidamente, poiché la vittoria dipenderà in gran parte dalla velocità delle reazioni e dei progressi del “fronte” contro l’Euro.

Una seconda condizione per il successo è che il “fronte” abbia un’idea chiara delle misure che accompagneranno l’uscita dall’Euro, che sia nell’immediato o a medio termine. Nulla sarebbe più distruttivo per il “fronte” che andare a combattere senza avere un accordo, anche implicito, sulle sue misure. Perché bisogna sapere che una volta cominciate le operazioni, esse avranno luogo nella temporalità dei mercati finanziari (anche se questi ultimi sono tecnicamente chiusi in Francia) e che questa temporalità è simile a quella delle operazioni militari. L’abbiamo visto chiaramente durante la crisi di Lehman Brothers nel 2008. È pertanto assurdo impegnarsi in questa battaglia con la sola idea della « ricostituzione della sovranità monetaria”. Occorrerà poter essere rapidamente molto più accurati, anche se non è utile oggi entrare nei dettagli. In un certo senso, l’uscita dall’Euro è prevista come un’operazione militare, che sia a breve termine, ma anche a medio termine. Un accordo, ripeto anche implicito, sulle misure da adottare sarà una delle condizioni di successo o fallimento, del fronte anti-Euro.

La terza questione che bisognerà risolvere riguarda ovviamente l’area di questo “fronte” e le sue forme di costituzione. Possiamo immaginare parecchie formule, che vanno dalla coordinazione implicita (patto implicito di non aggressione) a forme più esplicite di cooperazione. Va ricordato che durante le elezioni presidenziali del 1981 gli attivisti del RPR hanno incollato dei poster di François Mitterrand… Non possiamo restare continuamente attaccati alle cause dei mali di cui ci lamentiamo; ad un certo punto, la logica della vita politica ci imporrà di schierarci per l’uscita dall’Euro, o per mantenere l’Euro. Non ci sarà allora una terza soluzione.

È chiaro del resto che queste diverse forme non sono opposte ma possono completarsi in un arcobaleno che va dalla cooperazione esplicita alla coordinazione implicita. Ma vediamo anche bene che a termine si porrà la questione della presenza, o meno, in questo “fronte” del Fronte Nazionale o del partito che ne uscirà e non serve a niente nasconderselo. Questa questione non può essere risolta oggi. Ma bisogna sapere che si porrà e che gli avversari dell’Euro non potranno evitarla eternamente. Ciò comporterà pertanto di seguire attentamente gli sviluppi futuri che questo partito potrebbe conoscere e affrontarli senza concessioni, ma anche senza settarismo.

Dal punto di vista delle forme che questo “fronte” potrebbe prendere, la formula “camminare separatamente e colpire insieme” mi sembra essere la più adatta. Questo non esaurisce assolutamente la questione della dimensione del « fronte ». Bisognerà verificare la possibilità di staccare dal Partito “socialista” alcuni pezzi, verificare anche la possibilità di poter contare sui dissidenti dell’UMP e sui sovranisti provenienti dai partiti indipendenti (e notiamo con soddisfazione le discussioni tra Nicolas Dupont-Aignan e Jean-Pierre Chevènement). Infine, e non è il compito più facile, bisognerà unificare la sinistra radicale. Questi diversi compiti non sono più stati all’ordine del giorno dal 1945 nel nostro Paese. La perdita di esperienza è qui considerevole, i riflessi settari sono ampiamente presenti ma, soprattutto, la pregnanza di un’ideologia moralizzante che si nasconde dietro la politica, costituisce l’ostacolo principale e la forza principale dei nostri avversari.

Le ragioni dei potenziali disaccordi saranno estremamente importanti in questo “fronte”, se esso viene costituito. Ma la vera questione è sapere se le donne e gli uomini che comporranno questo “fronte” saranno in grado di superare le loro divergenze, qualunque esse siano e per quanto giustificate possano essere, per capire che l’obiettivo dell’uscita dall’ Euro, con tutto ciò che essa implica (e che non sto a ricordare) impone di mettere provvisoriamente da parte le divergenze. È sulla base di queste misure che vedremo se il campo delle forze anti-Euro è in grado di far fronte ai compiti del periodo.

 

[1] http://www.lefigaro.fr/vox/politique/2015/08/21/31001-20150821ARTFIG00294-montebourgvaroufakis-sortie-de-l-euro-le-dessous-des-cartes-par-jacques-sapir.php

[2] http://russeurope.hypotheses.org/4225

[3] Fassina S., « For an alliance of national liberation fronts », articolo pubblicato sul blog di Yanis Varoufakis da Stefano Fassina, membro del Parlamento (PD), 27 luglio 2015 http://yanisvaroufakis.eu/2015/07/27/for-an-alliance-of-national-liberation-fronts-by-stefano-fassina-mp/

[4] Vedi il suo editoriale de Il Messaggero dell’ 8 agosto 2015, http://www.ilmessaggero.it/PRIMOPIANO/ESTERI/europa_fermi_inaccettabile_blitz_tedesco/notizie/1507018.shtml

[5] Ritroviamo qui la critica trotskista del Frente Popular durante la guerra civile spagnola, o dei fronti di liberazione nazionale costituiti durante la seconda guerra mondiale, con in particolare la critica intentata contro il PCF e il PCI per la fase immediatamente successiva alla Liberazione.

 

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s'est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *