L’EURO, LA PAURA E VICHY

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

Nota all’attenzione dei lettori italiani.

Jacques Sapir in questo articolo confronta la politica perseguita dagli ultimi due presidenti francesi con quella condotta dal famigerato “Regime di Vichy”. Il regime di Vichy era, come tutti sanno, il regime giuridico (ma non legittimo) della Francia durante la seconda guerra mondiale. Questo regime ha condotto una politica di collaborazione con la Germania nazista, particolarmente con la deportazione di 60.000 ebrei. Naturalmente non è in questo senso che l’autore intende utilizzare il confronto. L’analogia si riferisce, da un lato, al fascino delle élite, sia durante la guerra che oggi, per il modello economico e sociale tedesco ; inoltre, per la presenza, nelle più alte posizioni di governo, durante entrambi i periodi, di ex banchieri ; infine, stessa constatazione, a settanta anni di distanza, per l’aumento dei profitti, la concentrazione del capitale e la contrazione dei salari. Pertanto, è in questo senso preciso che bisogna leggere il parallelismo e quindi la sua pertinenza.

 

Il discorso sulle conseguenze catastrofiche a cui porterebbe l’uscita dell’Euro per l’economia francese e per quella degli altri Paesi dell’Eurozona è lo stesso in gran parte dello spettro politico francese. Siamo in presenza di un discorso di paura tenuto da coloro che accusano il Fronte Nazionale di giocare sulle paure. La situazione si fa interessante quando alcuni di questi uomini politici non fanno che ripetere la vecchia antifona del governo di Vichy ! Questo dimostra a che punto la questione dell’Euro sia diventata una questione religiosa nella politica francese. Restare nell’ Euro ci porterebbe in paradiso e uscirne ci porterebbe all’inferno ! Ma questo discorso non si basa su un fondamento solido. Sappiamo che una dissoluzione dell’Euro ci metterebbe davanti a due problemi immediati, quello dei debiti e quello dei flussi finanziari tra le diverse economie. Questi due problemi sono, in realtà, molto meno complicati di quanto alcuni politici, da Nicolas Sarkozy a François Hollande, vogliano farci credere. Inoltre, è risultato che l’Euro ha fallito, e in proporzioni significative, sia nel generare crescita che nel proteggere le economie dei Paesi membri contro le fluttuazioni finanziarie internazionali. La prova di questo è stata la crisi del 2007-2009. Ci proponiamo pertanto di rivedere questi punti per distinguere il vero dal falso.

 

Il problema dei debiti

Per quanto riguarda i debiti, sappiamo anche che il debito sovrano di molti Paesi, tra cui la Francia al 97%, viene emesso nella legislazione di questo Paese. Ora, la regola, stabilita dalla Corte internazionale di arbitrato a partire dalla fine del 1920, è che qualsiasi titolo emesso nella legislazione del Paese “X” deve essere corrisposto nella valuta del Paese “X”, indipendentemente dal nome di questa moneta. Questo è quello che viene chiamato la lex monetae. Ciò significa che se la Francia decide di lasciare l’Euro e di tornare al Franco, il 97% del nostro debito sarà immediatamente e senza possibili contestazioni, re-denominato in Franchi. Da questo punto di vista, l’unico Paese che sarebbe costretto a far difetto sul proprio debito sovrano sarebbe la Grecia, poiché più di due terzi del suo debito vengono rilasciati in diritto straniero.

Parlare di una grande moltiplicazione per il debito francese come fanno Nicolas Sarkozy e il leader dell’ex UMP, o al contrario parlare di un possibile difetto, come fa J-L Mélenchon, non ha alcun senso. Per i primi si tratta di una vera e propria menzogna. I leader dell’ex UMP non possono ignorare la composizione e la natura del debito sovrano della Francia e quindi ignorare che un’uscita dall’Euro sarebbe indolore. Per quanto riguarda J-L Mélenchon, l’errore proviene dalla sua mancanza di comprensione del meccanismo dei debiti pubblici.

Per quanto riguarda i debiti privati, gran parte di questi ultimi vengono contratti presso organismi francesi. Non ci sarà alcun problema nel caso dell’uscita dall’Euro. Per le aziende multinazionali francesi, gran parte del loro debito è sottoscritta da dei non residenti. Ma queste aziende fanno anche gran parte del loro fatturato fuori dalla Francia. Pertanto, nel caso dell’uscita dall’Euro accompagnata da un deprezzamento del “nuovo” Franco, i debiti sarebbero rivalutati ma il fatturato (e i profitti) anche! I calcoli che sono stati fatti da diverse banche indicano che i due meccanismi si equilibrano.

 

La questione dei flussi finanziari

Resta il problema dei flussi finanziari tra Paesi, siano essi nell’Eurozona o fuori dall’Eurozona. Tecnicamente, le grandi banche internazionali si sono già preparate alla prospettiva di una dissoluzione dell’Euro. Sarebbe opportuno sospendere le transazioni finanziarie per un periodo di 24-72 ore e quindi limitare i movimenti a brevissimo termine (che sono essenzialmente speculazioni) per un periodo di circa 6 mesi.

L’immagine di un’uscita dall’Euro che causerebbe un “disastro” è dunque solo una finzione. È una finzione che i partigiani dell’Euro usano per alimentare la paura tra le popolazioni. Si noti che coloro che accusano Marine Le Pen e il Fronte Nazionale di giocare sulla paura sono, in realtà, quelli che con i loro discorsi incutono la paura e cercano di provocare una reazione di panico tra gli elettori. Questo punto è importante. In realtà, la paura sembra essere l’unico argomento che i fautori dell’Euro possono ancora utilizzare di fronte al fallimento totale dell’Unione Economica e Monetaria.

 

I vantaggi di un’uscita dell’Euro

Ora dobbiamo anche essere consapevoli che i benefici di un’uscita dell’Euro, numerosi sia nel campo della crescita e dell’occupazione, che nel restauro dei conti pubblici, saranno interessati dalle condizioni in cui questa uscita verrà attuata e dalla politica condotta una volta risolta la questione dell’Euro. L’Euro può scomparire con una decisione concertata e comune a tutti i Paesi della zona, come può scomparire per un susseguirsi di crisi che provocheranno l’uscita dall’Euro, ciascuna delle quali aggraverà la crisi e porterà un nuovo Paese ad uscire a sua volta. Questa ipotesi è la più sfavorevole.

Ma anche in questo caso, e supponendo che la Francia sia uno degli ultimi Paesi ad uscire dall’Euro, la nostra situazione sarebbe migliore rispetto alla situazione attuale. In seguito, un punto importante sarebbe quello delle politiche da istituire una volta effettuata l’uscita dall’Euro. È chiaro che se il governo in vigore desse la priorità alla cancellazione del debito della Francia e cercasse di mantenere il tasso di cambio a un livello sopravvalutato, i vantaggi dell’uscita dell’Euro sarebbero molto scarsi.

Ma non sarebbero inesistenti. D’altra parte, con un sistema politico che effettuasse una rottura decisiva con le politiche effettuate negli ultimi 25 anni e che desse la priorità agli investimenti, i benefici di un’uscita dell’Euro sarebbero impressionanti [1]. Ecco perché ho sempre detto che l’uscita dall’Euro era una condizione necessaria; voglio dire che finché rimaniamo nell’Euro, nulla è possibile, ma non è per nulla una condizione sufficiente. Questo punto è importante perché, troppo spesso, molti avversari dell’Euro presentano l’uscita dalla moneta unica come una panacea, cosa che invece non è.

Quando fu redatta la brochure per la Fondazione ResPublica dove sono state stimate le possibili conseguenze di un’uscita dell’Euro, gran parte delle discussioni che hanno avuto luogo con Cédric Durand e Philippe Murer, gli altri due co-autori del suddetto opuscolo, riguardavano proprio l’entità dei guadagni che ci si poteva aspettare da tale uscita. I primi risultati, dati automaticamente dal modello, ci erano sembrati fantastici, al punto che abbiamo volutamente corretto, abbassandoli, alcuni di questi risultati. Anche così, un’uscita dall’Euro porterebbe a circa 2 milioni di posti di lavoro supplementari a breve termine, solo per la categoria “A” della DARES. Con gli effetti indotti (più posti di lavoro significa più contributi, quindi un ritorno all’equilibrio dei piani pensionistici e sanitari, e quindi la possibilità di abbassare i contributi individuali, ecc…), arriveremmo in cinque anni a quasi 3,5 milioni di nuovi posti di lavoro, cioè al ritorno alla piena occupazione. Bisogna ammettere che si possono nutrire dubbi su queste cifre, perché i cambiamenti di scala comportano cambiamenti nelle relazioni economiche. Ma possiamo considerare che un calo della disoccupazione di due terzi sia una previsione affidabile e credibile.

 

È l’Euro una protezione ?

Un argomento finale, frequentemente utilizzato nel dibattito sull’Euro, è che quest’ultimo consentirebbe ai Paesi membri di affermarsi di fronte agli Stati Uniti e alla Cina. Ma questo argomento non corrisponde minimamente alla realtà. L’Eurozona, o l’Unione Economica e Monetaria per chiamarla col suo vero nome, non è mai riuscita ad imporsi di fronte agli Stati Uniti o addirittura alla Cina. Nel campo monetario, attualmente l’Euro è, certo, la seconda valuta di riserva nel mondo per quanto riguarda le riserve delle Banche Centrali. Ma il suo peso è del 20%, che è inferiore agli importi cumulativi delle valute dei Paesi dell’UEM prima del 1999. Il tutto non è dunque maggiore della somma delle parti, il che dimostra l’inesistenza di una dinamica dell’Euro.

Si noti inoltre che l’Euro ha perso il secondo posto di fronte al Dollaro per quanto riguarda le valute di transazioni finanziarie internazionali. Questo secondo posto tocca orami allo Yuan! Naturalmente, l’UE è un grande mercato, ma non è una potenza industriale, a causa dell’incapacità di formulare una vera e propria politica industriale sulla scala dell’UE. In realtà, molti progetti che vengono presentati come progetti «europei», sono stati pensati in quadri bi o multilaterali. E’ il caso di Airbus o Ariane. In realtà, l’attuazione di tali progetti sarebbe essere resa oggi se non impossibile almeno molto difficile sia per le normative europee che per l’esistenza dell’Euro.

Infine, dobbiamo chiederci se l’Unione Europea e l’Eurozona siano mai stati davvero progettati come strumenti di opposizione alla politica degli Stati Uniti. Questo coincide con la questione della “Potenza-Europa” di cui è stato detto che si trattava di un mito o addirittura di una menzogna. In realtà, la CEE e l’UE sono state progettate come appendice economica alla NATO. L’UE è stata il principale strumento della mondializzazione in Europa, il principale fattore di smantellamento delle barriere nazionali. Lo vediamo ancora nel modo in cui si svolge la negoziazione sul partenariato transatlantico o TAFTA. L’UE è in realtà un cavallo di Troia degli Stati Uniti.

 

Vichy è l’Euro ?

Qui bisogna considerare che cosa rivela questo tipo di argomento nel inconscio di chi lo usa. Tra le élite francesi c’è oggi un profondo pessimismo sulla sopravvivenza della Francia. Questo pessimismo che esprimono un François Hollande o un Nicolas Sarkozy, è quello di chi pensa che senza l’Unione Europea la Francia non esisterebbe più. Questo pessimismo pensa che la Francia possa affrontare il mondo solo scomparendo in una più vasta entità. Ora, questo discorso, l’abbiamo già sentito nella nostra storia e in particolare dal 1940 al 1944. Fu il discorso del regime di Vichy, che teorizzava la sconfitta del giugno 1940. Fu per esempio il discorso di Pierre Laval, ex socialista e sostenitore della deflazione, quando era presidente del Consiglio nel 1935, due punti che lo accomunano a Francois Hollande, quando esclama sulle frequenze di Radio-Parigi: “Vorrei la vittoria della Germania”.

In realtà, la politica europea perseguita dai nostri ultimi due presidenti, Nicolas Sarkozy e François Hollande, si iscrive, consciamente o inconsciamente, nella filiazione della politica di rinuncia di Vichy. È così perché questi due uomini si sono sempre opposti in realtà al Generale de Gaulle e continuano a combatterlo tutti i giorni benché lo lodino a parole o con la penna. E’ opportuno qui tornare a ciò che il disastro del 1940 ci insegna sulle élite francesi, alcune delle quali, si sa, preferivano Hitler al Fronte Popolare.

E’ in realtà il vecchio fondo reazionario, alla Petain, erede di Vichy, che emerge dal discorso che solo l’UE potrebbe proteggerci di fronte agli Stati Unti e alla Cina.

 

[1] Vedi J. Sapir, Les scénarii de dissolution de l’Euro, (con P. Murer e C. Durand) Fondazione ResPublica, Parigi, settembre 2013

Langue source

  • 19 octobre 2015

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *