LA VITTORIA DEL «NO» E LA SCONFITTA DI RENZI

LA VITTORIA DEL «NO» E LA SCONFITTA DI RENZI

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

La massiccia vittoria del “no” al referendum italiano con oltre il 59% dei voti, ha appena fatto scattare il meccanismo di una bomba a effetto ritardato all’interno dell’Eurozona e dell’Unione europea. Tutti i fattori di instabilità e di crisi che segnano questa zona riemergono in occasione di questa votazione. Assistiamo allo svolgimento di un dramma in diversi atti.

Una sconfitta per Matteo Renzi

Il primo atto è senza dubbio costituito dalle dimissioni del primo ministro italiano, il signor Matteo Renzi. Quest’ultimo veniva considerato dai responsabili delle istituzioni europee e dai leader dei principali Paesi dell’Unione europea come il garante delle riforme da imporre all’Italia. Ora, come ha dimostrato la campagna referendaria, sono queste riforme che hanno mobilitato gli elettori per il “no”. Renzi ha commesso l’errore di voler fare di questo voto un plebiscito della sua politica. Che è stata decisamente respinta. Ora, la sua politica, come fu anche ampiamente detto durante la campagna, è stata l’applicazione in Italia del quadro disciplinare progettato a Bruxelles e a Berlino. La vittoria del “no” è dunque direttamente una sconfitta per gli europeisti in Italia e altrove.

Non è detto che alle dimissioni di Renzi seguano immediatamente delle elezioni. Egli può « gestire gli affari correnti » per diverse settimane, oppure il Presidente della Repubblica italiana può provare una formula di rabberciatura con uno dei ministri del governo di Renzi. L’idea è di « resistere » fino al 2018 ed evitare le elezioni anticipate. È improbabile, tuttavia, che un governo di transizione resista per più di qualche mese. Le elezioni in Italia avverranno dunque nel 2017.

Le crescenti tensioni nella zona euro

Ma la situazione dell’Italia è ormai arrivata ad un punto critico per quanto riguarda l’ economia e le banche. Il Monte dei Paschi di Siena, le banca più antica d’Italia, deve emettere 5 miliardi di titoli di questa settimana. Nel contesto politico creato dal cocente fallimento del referendum, cio’ non accadrà senza difficoltà. Più in generale, viene messo in discussione anche il piano – molto complesso – di soluzione del problema dei cattivi debiti accumulati nel sistema bancario italiano. Sappiamo che per il Monte dei Paschi di Siena questi debiti ammontano a 27,7 miliardi. Il secondo atto avrà come tema l’economia e bisognerà seguire nei prossimi giorni come evolverà il tasso d’indebitamento per dieci anni in Italia. Questo Paese è, dopo la Grecia, il più indebitato dell’eurozona. Ora, la Germania rifiuta qualsiasi salvataggio globale del sistema bancario italiano, come anche rifiuta una soluzione globale del debito greco tramite la cancellazione di parte di questo debito, come esige ormai il FMI. La combinazione di questi due problemi, la situazione in Italia e il braccio di ferro tra la Germania e il FMI sulla Grecia, comporta una nuova crisi dell’euro.

Per un grande cambiamento in Italia?

Il terzo atto si svolgerà davanti agli elettori italiani. Le prossime elezioni in Italia e molte altre cose dipendenti dalla volontà non solo dei partiti al potere, ma anche di alcuni partiti di opposizione, mostreranno probabilmente dei cambiamenti significativi. Se le elezioni dovessero avvenire rapidamente, è probabile che il M5S di Beppe Grillo ottenga una grande maggioranza in Parlamento, o addirittura la maggioranza assoluta. E’ per questo che le élite al potere hanno cosi’ paura di queste elezioni. Se vengono rimandate di 6 mesi, o anche 9 mesi, non è da escludere la possibilità che la Lega di Salvini (ex Lega Nord) acquisti maggiore rilevanza. Il sistema elettorale italiano è complesso e il gioco dei partiti lo è ancora di più. Ma una cosa è chiara: il consenso di austerità ed europeista si sta fratturando. All’orizzonte si profila la questione del mantenimento, o no, dell’Italia nell’Eurozona. Il dibattito è più avanzato di quanto lo sia in Francia. Un numero crescente di attori e leader ha capito che l’Italia DEVE uscire dall’euro. Ma il problema per loro è di sapere come.

 

Ciò implica, e questo è il quarto atto, che le conseguenze per la Francia saranno importanti. L’ho già scritto. In un certo senso, la sconfitta di Renzi è anche la sconfitta dell’austerità e quindi quella di Fillon. Resta da vedere come quest’ultimo reagirà e se ricostruirà il suo progetto economico. Ma in ogni caso la vittoria del “no” al referendum italiano apre uno spazio importante alle forze che in Francia contestano l’euro e l’Unione europea.

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *