ELEZIONE DELL’ACCADEMIA DELLE SCIENZE DELLA RUSSIA

ELEZIONE DELL’ACCADEMIA DELLE SCIENZE DELLA RUSSIA

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

L’Accademia delle scienze della Russia ha annunciato, questo venerdì 28 ottobre, la mia elezione al suo interno come “membro straniero” (Vedi qui). Condivido questo onore in Scienze Sociali con N. Ilkka (Filosofia – Finlandia) G. Kolodko, un famoso economista polacco i cui lavori sulla transizione sono ben noti, Gérard Marcou (per la Giurisprudenza) che è purtroppo deceduto in Colombia pochi giorni fa e Serge Aroch, Paul Korkum, Rozinne lane e Gérard Leikh che si sono distinti in matematica e fisica.

Questo annuncio è per me un grande onore e motivo di profondo orgoglio. L’Accademia delle scienze della Russia è un assemblea estremamente prestigiosa, ereditiera dell’Accademia Imperiale delle Scienze di San Pietroburgo, alla quale hanno partecipato grandi scienziati – sia russi che stranieri – fin dalla sua creazione nel XVIII secolo. Solo un altro economista francese, Maurice Allais, aveva avuto una tale onorificenza; io mi unisco a un piccolo gruppo composto principalmente da fisici, matematici e chimici come Henri Cartan, Georges Charpak, fiche, Alain, Jean-Marie Lehn, Jean Leray, Claude Lorius e Gérard Mourou ma anche da storici come Hélène Carrère d’Encausse, Maurice Druon e da specialisti in relazioni internazionali come Thierry de Montbrial.

Vedo in questa elezione il riconoscimento degli stretti legami che uniscono da moltissimo tempo i circoli scientifici russi ed i circoli scientifici francesi; legami che né i conflitti politici, né le ricorrenti campagne di calunnia e diffamazione sono mai riusciti ad alterare. Lo reputo come un riconoscimento del lavoro che ho portato avanti dalla fine degli anni 70 sia sull’URSS che sulla Russia, ma anche sulla teoria economica, lavoro che mai avrei potuto eseguire senza l’amore e il sostegno di mia moglie Beatrice. Considero questa elezione come l’espressione della fiducia che mi accordano gli economisti russi.

Ringrazio i miei colleghi e amici, gli accademici russi Viktor V. Ivanter e Alexander D. Nekipelov, che hanno sostenuto la mia candidatura aiutandola a superare i diversi ostacoli fino alla votazione finale. Li conosco da molto tempo, dal 1990 il primo e dal 1993 il secondo. La fiducia che hanno riposto in me fin dall’inizio si manifesta col lavoro che abbiamo potuto svolgere insieme, sia all’interno del Seminario Franco-Russo sui problemi monetari e finanziari dello sviluppo della Russia, seminario costituito con l’Istituto di Previsione dell’Economia Nazionale (IPEN-ASR) e che opera regolarmente dal 1991, sia nell’ambito della Moskovskaya Shkola Ekonomiki (Scuola di Economia di Mosca) dell’Università di Mosca (MSE-MGU). Mi sento profondamente onorato.

Questo lavoro ha ampiamente contribuito alla mia comprensione dei problemi economici della Russia e della transizione, ma anche alla precisa formulazione delle mie riflessioni teoriche sulla critica dell’equilibrio generale e sull’origine delle istituzioni. Inoltre, ha permesso lo sviluppo di ricerche estremamente fruttuose condotte nell’ambito del Centro di Studi delle Modalità d’Industrializzazione della Scuola di Studi Avanzati in Scienze Sociali (CEMI-EHESS) e del gruppo Istituzione e Regolamento dei Sistemi Economici post-Socialisti della Fondazione Casa delle Scienze Umane (IRSES-FMSH). Queste ricerche hanno dato luogo a molteplici lavori; hanno anche permesso di formare molti giovani ricercatori, sia francesi che russi. Mi piace pensare che la mia elezione si riflette anche su queste due istituzioni che sono state e sono tuttora all’avanguardia della cooperazione scientifica tra la Francia e la Russia (e prima del 1992 l’Unione Sovietica).

Il mio pensiero va a tutti gli amministratori della FMSH, Clemens Heller, Maurice Aymard, Alain di Iribarne e Michel Wiewiorka, che mi ha dato i mezzi materiali per la continuazione del mio lavoro e il cui impegno nella cooperazione scientifica con la Russia non si è mai smentito, così come ai diversi presidenti dell’EHESS.

Questo lavoro e questa cooperazione continueranno ad approfondirsi in particolare per la comprensione delle implicazioni degli sviluppi macroeconomici sull’economia dei territori, ma anche per la comprensione del contributo delle nuove tecnologie dell’informazione nell’organizzazione di questi territori. Oggi più che mai è importante gettare ponti tra i nostri due Paesi e capire meglio i problemi che dobbiamo e dovremo affrontare. A questo proposito, questa elezione all’Accademia delle scienze della Russia è un profondo incoraggiamento al proseguimento dei lavori intrapresi.

Questa elezione distingue così il lavoro che è stato fatto nell’ambito del Centro di Studi delle Modalità d’Industrializzazione della Scuola di Studi Avanzati in Scienze Sociali. Questo centro, creato dal rimpianto Charles Bettelheim agli inizi degli anni 60, ha svolto un ruolo pionieristico nello studio dell’economia sovietica (e di altre economie socialiste come quelle della Cina e di Cuba), poi nello studio dell’economia russa. E’ a questo centro che mi ero integrato a seguito dei miei studi presso l’IEPP nell’ottobre 1976, prima come studente, poi come ricercatore.

Il lavoro di ricerca è sempre un lavoro collettivo. E’ legato intrinsicamente allo spirito e al clima intellettuale che si crea e si mantiene nei centri di ricerca con dibattiti e discussioni. Sono questo spirito e questa atmosfera intellettuale che permettono lo sviluppo delle nostre ricerche personali. Su questo punto, sono stato particolarmente favorito dall’atmosfera intellettuale feconda e vivace che ha regnato (e che regna ancora) all’interno del CEMI. All’onorificenza che mi è stata conferita associo i miei colleghi e amici del CEMI con cui ho lavorato per molti anni, ma anche i miei studenti, che hanno dovuto sopportare il mio carattere, le mie esigenze e la mia impazienza, e a cui, anche se non lo sanno, io devo molto. Ho un pensiero per il fondatore del Centro e mio primo “Maestro”, Charles Bettelheim, al quale devo tanto, che guido’ i miei primi passi titubanti sulla strada dell’economia sovietica e che – più di me e meglio di me – avrebbe meritato questa onorificienza.

Inoltre, è con una certa emozione che accolgo la notizia della mia elezione. Le mie origini familiari hanno fatto della Russia un Paese che sento vicino e che mi è caro. So che mia madre e mio padre sarebbero stati felici di questa elezione che rappresenta il riconoscimento del mio lavoro, ma soprattutto che mia nonna paterna sarebbe stata immensamente orgogliosa dell’onore che è mi è stato fatto.

 

 

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *