THERESA MAY E IL BREXIT

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

La Signora Theresa May ha dunque annunciato il suo piano per l’attuazione del cosiddetto « Brexit », ossia la separazione tra il Regno Unito e l’Unione europea. Ha scelto alla fine quella che viene chiamata la soluzione « dura » o « hard Brexit », vale a dire la rottura con il mercato unico.

 

“ Brexit means Brexit “ : un divorzio è un divorzio

Questa opzione è comprensibile se si considera cos’è diventato il «mercato unico»: al tempo stesso un mostro di complessità, con regolamenti sempre più pignoli, ma anche uno strumento che impedisce ai Paesi dell’Unione europea di difendere i propri interessi. La delega di potere della quale godono sia la Commissione di Bruxelles che le varie istituzioni europee, nessuna delle quali, ricordiamolo, è eletta, porta ad imporre regole al di là di cio’ che è necessario per l’economia di un Paese particolare. Il mercato unico è cosi’ diventato uno schiacciasassi che pretende di eliminare le differenze tra delle economie che, tuttavia, risultano diverse. Infatti, il mercato unico ha portato addirittura all’aumento di queste differenze tra le economie dell’UE, cosa che ho chiamato in diversi testi il processo di « euro-divergenza » [1] .

Se almeno queste regole avessero avuto in contropartita una politica coerente e proattiva volta a cercare di preservare l’economia dei Paesi dell’Unione europea di fronte alla concorrenza internazionale. Ma va detto che su questo punto l’UE agisce in realtà come un « apriscatole ». La Commissione di Bruxelles negozia diversi trattati di libero scambio, non dal punto di vista degli Stati membri, ma dal punto di vista ideologico, che è suo e che vuole che il libero scambio sia la soluzione migliore per tutti i nostri problemi. Abbiamo visto un esempio nel caso del CETA come nel caso del TAFTA[2]. Tuttavia, non è solo l’ideologia che guida l’azione della Commissione a Bruxelles e delle istituzioni europee. Bisogna costatarlo e dirlo forte e chiaro, l’UE è diventata, nel tempo, uno strumento nelle mani della Germania e a scapito delle altre nazioni. Questo è iniziato con l’Euro, che dava alla Germania due vantaggi principali, la protezione contro i deprezzamenti delle valute dei suoi principali concorrenti europei, ma che assicurava anche che la valuta del commercio della Germania sarebbe stata deprezzata rispetto a quello che dovrebbe essere il livello logico. Questi due vantaggi spiegano in gran parte l’enorme surplus commerciale di cui beneficia la Germania. Ma questa posizione favorevole e poi dominante della Germania si manifesta anche nei negoziati esterni all’UE dove, chiaramente, sono gli interessi tedeschi i primi ad essere serviti.

E’ opportuno dunque rammentare che questa dominazione della Germania e il tipo di federalismo furtivo – e in realtà al servizio della Germania – che essa implica, furono argomenti importanti che hanno pesato nel Brexit. Capiamo meglio i due punti più importanti nel discorso pronunciato giovedì 17 luglio da Theresa May: la volontà di porre fine alla premineza del diritto comunitario, strumento appunto, di questo federalismo furtivo e la volontà di riprendere il controllo delle frontiere.

 

Theresa May, Donald Trump e la cancellazione della Francia

La posizione di Theresa May non può altro che essere rafforzata dalle recenti dichiarazioni di neo-eletto Presidente degli Stati Uniti, Mr. Donald Trump. Nell’intervista che ha rilasciato al Times di Londra come al Bild, ha chiaramente indicato il suo pessimismo circa il futuro dell’Unione europea[3]. È significativo, del resto, che nessun giornale francese sia stato associato a questa intervista. Donald Trump si è espresso verso un pubblico di elettori inglesi e tedeschi, perché in realtà essi sono oggi gli unici due che contano. Bisogna constatarlo per rammaricarsi, ma la Francia non ha più peso, se non marginalmente, negli affari europei.

L’Unione europea, che è stata venduta all’opinione pubblica francese come un modo per moltiplicare l’attenzione e la potenza della Francia, si è trasformata, nella sua realtà, in una macchina progettata per dissolvere l’influenza francese, fase preparatoria alla dissoluzione della stessa Francia. E ci rendiamo conto che dal quinquennio di Nicolas Sarkozy e da quello di François Holland, la capacità della Francia di far sentire la propria voce nella politica internazionale continua a regredire. Un punto importante in questo movimento è stata la firma del nuovo trattato TSCG, chiamato ancora “Merkozy” perché negoziato tra Angela Merkel e Nicolas Sarkozy e approvato fin dall’inizio del quinquennio di François Holland. Da questo punto di vista la continuità è totale, ma è anche disastrosa. La cosiddetta politica “europea » seguita dai due presidenti e dai loro rispettivi partiti, i “Repubblicani” e il partito “socialista”, risulta quindi in un impasse totale.

Bisognerà pertanto fare il bilancio di questa cancellazione della Francia. La politica attuata dall’Unione europea non è più sopportabile e non è più tollerabile dal punto di vista dei principi democratici. E’ opportuno quindi guardare ciò che sta succedendo tra l’ Unione europea e la Signora Theresa May. Il fatto che essa abbia citato la Gran Bretagna e la Francia come due potenze nucleari, garantendo così con la dissuasione la pace in Europa (al di là del semplice quadro dell’Unione europea), è un incoraggiamento per noi a riprendere in mano i nostri affari.

 

Il Brexit crea un precedente…

Il processo del Brexit è stato tecnicamente lanciato dal discorso della signora Theresa May questo giovedì 17 gennaio. Esso durerà un po’, ma ora bisogna specificare il tempo. È chiaro che Theresa May ha due vantaggi importanti. Il primo è il deprezzamento della sterlina. Si parla molto di un « crollo » del tasso di cambio, ma in realtà, se si guardano gli ultimi dieci anni, il tasso di cambio della sterlina non ha fatto che tornare a un livello « normale » rispetto alla competitività del Paese.

 

Grafico 1

Tasso di cambio dell’Euro contro la sterlina

 

Fonte : BCE

 

Questo deprezzamento spiega del resto che le previsioni di crescita fatte per il 2017 siano state rialzate. Siamo davvero molto lontani dal disastro annunciato solennemente da tutti gli anti-Brexisti e altri eurolatri. Il FMI ha recentemente rialzato le sue previsioni, che aveva abbassato nell’autunno del 2015 dall’1,1% di crescita all’1,5%[4]. Questo conferma che il Brexit gioca a favore del Regno Unito.

Theresa May ha tuttavia un altro asso nella manica. Puo’ minacciare l’UE di giocare fino in fondo la carta della Gran Bretagna come un paradiso fiscale. I due Paesi che sarebbero qui più colpiti sarebbero la Repubblica d’Irlanda e il Lussemburgo, patria di Jean-Claude Junckers…

Si puo’ dunque pensare che essa arriverà a raggiungere i propri scopi e che il divorzio tra il Regno Unito e l’Unione europea non sprofonderà. Il punto importante qui è che questo divorzio stabilirà un precedente. Fino ad ora la possibilità per un Paese di lasciare l’Unione europea era puramente formale. Naturalmente, questa possibilità esisteva teoricamente con l’articolo 50 del trattato di Lisbona. Ma le condizioni politiche della sua attuazione rimanevano molto indistinte. Ecco perché il discorso di Theresa May è talmente importante. Materializzando una strategia di rottura e mostrando di padroneggiare questa strategia, la Signora Theresa May in realtà dimostra la debolezza e l’impotenza dell’Unione europea. Quest’ultima è pertanto non solo nefasta e pericolosa per gli Stati membri, fatta eccezione per la Germania; essa si dimostra incapace di impedire che un Paese ne esca e soprattutto che ne esca a suo beneficio. Dimostrare il « costo » di questa rottura era una delle sfide principali per l’UE. Non riuscendo ad alzare la posta e a scoraggiare l’uscita di uno dei grandi Paesi che ne faceva parte, l’UE segna il suo più clamoroso e definitivo smacco.

[1] Sapir J., « The social roots of the financial crisis : implications for Europe » in C. Degryze, (ed), Social Developments in the European Union : 2008, ETUI, Bruxelles, 2009 ; Idem, « Is the Eurozone doomed to fail », pp. 23-27, in Making Sense of Europe’s Turmoil, CSE, Bruxelles, 2012.

[2] Sapir J., « Le vrai sens du terme. Le libre-échange ou la mise en concurrence entre les Nations » in, D. Colle (edit.), D’un protectionnisme l’autre – La fin de la mondialisation ?, Coll. Major, Presses Universitaires de France, Paris, Septembre 2009.

[3] http://www.thetimes.co.uk/article/brexit-will-be-a-great-thing-you-were-so-smart-to-get-out-09gp9z357

[4] https://www.bloomberg.com/news/articles/2017-01-16/imf-raises-u-k-growth-forecast-for-2017-reversing-previous-cut

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s'est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *