L’EURO, L’ITALIA E BERLUSCONI

L’EURO, L’ITALIA E BERLUSCONI

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

Le recenti dichiarazioni di Silvio Berlusconi sulla necessità per l’Italia ad adottare « due valute »[1] hanno riacceso la speculazione circa l’attaccamento di questo Paese all’Euro[2]. L’ascesa dell’ « Euroscetticismo » è oggi evidente in Italia. Tuttavia, una crisi proveniente dall’Italia avrebbe conseguenze molto maggiori di una crisi (del resto probabile ) proveniente dalla Grecia, a causa delle dimensioni e del peso dell’economia italiana.

È chiaro che il continuo deteriorarsi della situazione economica in Italia negli ultimi anni impone misure radicali. È anche chiaro che solo un’uscita dall’Euro è in grado di salvare l’economia italiana, ma di conseguenza anche le sue banche, che sono sempre più pesantemente caricate di « debiti cattivi ». Questi “debiti inesigibili” o “prestiti non efficaci” come vengono chiamati negli ambienti finanziari, provengono direttamente dalle piccole e medie imprese della Penisola che subiscono direttamente la stagnazione economica causata dall’Euro. Del resto, possiamo vedere sui conti di compensazione della Banca Centrale Europea il cosiddetto “Target2”, il costante deterioramento della situazione in Italia negli ultimi anni.

1 – Conto Target 2

Ma cio’ che non indicano queste statistiche è il profondo deterioramento dell’economia, ma anche della società italiana a causa dell’Euro. Per convincersi, basta guardare qualche grafico. In termini di crescita e volume del PIL, l’economia italiana, che era su un percorso di forte crescita dal 1995 al 1999, è scesa oggi al suo livello del 2000, cioè l’anno di ingresso nell’Euro. Ma quel che è peggio è che, quando guardiamo al PIL pro capite, che è una misura del tenore di vita, vediamo che l’Italia è regredita al livello del 1997. La perdita dell’Italia, rispetto agli altri due Paesi « principali » dell’Eurozona, la Germania e la Francia, appare chiaramente nel primo di questi due grafici.

2 – Indice del PIL

3 – Indice del PIL pro capite

La conseguenza è un reale crollo degli investimenti che è oggi e dal 2012, sotto il livello che aveva raggiunto nel 1995. Questo si traduce in un rapido declino delle infrastutture pubbliche ma anche private (le abitazioni), degrado che ha un impatto significativo sul tenore di vita della popolazione italiana.

4 – Investimenti

Questo deterioramento del tenore di vita si traduce anche nella formazione del risparmio, sia degli individui che delle aziende. Il risparmio italiano è nettamente inferiore rispetto al 1995, e, se è diventato superiore all’investimento dal 2012, è solo a causa del crollo spettacolare di quest’ultimo.

5 – Equilibrio Risparmio-Investimento

La ragione di questo apparente aumento del risparmio (rispetto agli investimenti) è l’esplosione del debito pubblico in Italia, un debito che era in calo dal 1996 ma che aumenta di nuovo incredibilmente dal 2007, dopo essersi stabilizzato a partire dal 2003, cioè 3 anni dopo l’entrata dell’Italia nell’Euro.

6 – Debito pubblico (in % del PIL)

Debito netto in % del PIL

Si vede molto chiaramente che l’unica speranza per l’economia italiana è quella di uscire dall’Euro al più presto, ma la complessità del sistema politico italiano, le tergiversazioni del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo in particolare, e gli interessi privati solidamente costruiti in gran parte dell’élite politica fanno si che questa soluzione di buon senso sia poco attuabile in tempi brevi. Tuttavia, è chiaro che la classe politica italiana ha gli occhi fissati sulla scena politica francese. L’uscita della Francia dall’Euro darebbe alla classe politica italiana il pretesto perfetto per uscire a sua volta, senza incontrare opposizioni troppo forti.

[1] http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/02/27/Berlusconi-ci-riprova-serve-una-nuova-moneta-nazionale-da-affiancare-alleuro/3419833/

[2] https://www.Bloomberg.com/news/articles/2017-03-09/Enter-Berlusconi-a-Man-a-Ban-and-his-plan-to-Restore-the-Lira

 

 

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *