Non sono pazzi questi Romani…

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

Il colloquio « L’Euro contro l’Europa ? » che si è tenuto questo sabato 7 dicembre a Roma, organizzato dalle fondazioni Nuova Italia e A/Simmetrie, ha riunito nell’antica Borsa della citta’ un uditorio di più di 300 persone. In questo colloquio sono intervenuti il Professor Alberto BAGNAI [Università Gabriele d’Annunzio di Pescara]Diego FUSARO [filosofo marxista e ricercatore all’università Vita-Salute San Raffaele di Milano]Brigitte GRANVILLE [Queen Mary University, Londra] e vostro umile servitore per la parte scientifica. Sono intervenuti nel dibattito politico, l’ex sindaco di Roma, Gianni ALEMANNO [che è anche stato ministro dell’Agricoltura]Stefano FASSINA, il direttore della ricerca economica del Partito Democratico [gruppo di centro-sinistra maggioritario al Parlamento].

L’Euro, sistema economico o sistema politico ?

Diego FUSARO ha sviluppato due idee importanti. La prima è l’avvento di un « capitalismo assoluto » che fu in un certo senso « preparato » tramite la dimensione libertaria del movimento del sessantotto, e che vuole cancellare definitivamente tutti gli ostacoli all’istaurazione di una « società di mercato ». In un tale capitalismo, non ci dovrebbero essere istituzioni o regole, tranne quella, come dicono K. Marx e F. Engels nel Manifesto Communista, del « freddo pagamento in contanti ». In altre parole, il modello di questo capitalismo è un mercato che ha inghiottito tutti i valori umani. Infatti, la resistenza contro questo processo di creazione di un mondo senza regole o istituzioni ha scritto la cronaca delle lotte sociali per quasi un secolo e mezzo. Ci sarebbe sicuramente molto da dire su questo punto. Ma non si può negare che l’evoluzione del capitalismo che viene descritto come « neo-liberale » va in questa direzione.

La seconda idea importante è quella della perdita per l’Italia di ogni sovranità, che impedisce la democrazia, concepita, non come una pratica formale, ma come un processo vivente in cui le opinioni in seno al popolo si confrontano, e da dove emergono maggioranze in grado di decidere, di esistere. Su questo argomento, condividiamo in pieno le idee di Diego FUSARO, anche perché abbiamo sviluppato delle teorie abbastanza simili in un libro pubblicato nel 2002 [1]. In realtà, quando si esamina lo statuto di questo progetto di depoliticizzazione della decisione economica, vediamo che ha significati diversi secondo le Scuole. Lo statuto di depoliticizzazione è ontologico per i Neoclassisti, strumentale per gli Austriaci come Von MISES e HAYEK [2]. Il risultato è comunque lo stesso, un « hold-up » antidemocratico [3]. Questo è ciò che fa della sovranità un concetto chiave nella lotta per la democrazia, non che sia sufficiente, ma perché è indubbiamente necessario [4]. Questo tende a sostituire alla politica un’organizzazione della società apparentemente dominata dalla « tecnica ». Comunque, questa « tecnica » che è tutt’altro che neutrale, rimane al servizio di un dominio di classe i cui effetti sono ancora più terribili in quanto avanzano mascherati, e non si mostrano per quello che sono. Perciò, Diego FUSARO non vede principalmente l’Euro come una moneta, ma come una forma di governance antidemocratica che camuffa il suo aspetto sotto l’apparenza monetaria. Questo sembra molto giusto e spiega l’attaccamento quasi viscerale di certi circoli [e alcuni pubblicisti] all’Euro. Quest’ultimo fornisce loro l’opportunità di mettere la democrazia tra parentesi. Ritroviamo qua una riformulazione del principio della « Costituzione » economica. È necessario esaminare qui la convergenza tra MARX e HAYEK su questa volontà di porre fine alla Politica. Essa rivela una diffidenza istintiva nei confronti dello Stato e le mediazioni politiche, costringendo questi due grandi autori, eppure così opposti su tanti argomenti, a tentare il colpo di forza teoretico per dare una coerenza al loro sistema : affermare che una soluzione ad un problema complesso può essere nello stesso tempo una società rudimentale dal punto di vista delle rappresentazioni che essa genera. Il futuro si manifesta poi sotto la forma di un riutilizzo del passato più arcaico, sia che si tratti del comunismo primitivo come modello di comunismo per MARX, o dell’idea di semplicità delle norme e valori, idea presa in prestito dalle società del passato per HAYEK. Se si rifiuta questo colpo di forza teoretico, le cui conseguenze pratiche – per chi prendesse alla lettera le concezione antistatale e di MARX e di HAYEK – condurrebbero nel vicolo cieco di una rinascita delle soluzioni sociali del passato, la coerenza di una società eterogenea diventa allora il prodotto di un approccio politico consapevole dei suoi membri, anche se la forma che può prendere questa coerenza può essere piuttosto lontana dalle intenzioni originali. La questione dello Stato, e di conseguenza quella della Politica, riprende poi tutta la sua importanza, e la democrazia non si rivela quindi la migliore ma l’unica soluzione praticabile ai problemi posti dall’impossibile perfetta conoscenza e all’eterogeneità.

L’economia politica del Euro.

Per quanto riguarda Alberto BAGNAI, egli ha insistito sulle incoerenze inerenti alla costituzione e al funzionamento dell’Eurozona. Essa è stata creata, secondo i suoi fondatori, per proteggere l’Unione europea dai disordini economici mondiali. Tuttavia, di fronte ad un disordine [la crisi economica e il suo aspetto più immediato, la crisi dei debiti sovrani], l’Eurozona non ha nulla di più urgente che distruggere il grande mercato che pretendeva di creare. Assistiamo infatti a una vera e propria distruzione di quel mercato tramite la cosiddetta politica di « svalutazione interna », il cui risultato immediato è quello di rendere i Paesi che l’attueranno sempre più dipendente dal mercato al di fuori dell’Eurozona. Infatti, possiamo considerare che l’Eurozona, e più generalmente l’Unione europea, sono stati i ​​principali veicoli della globalizzazione in Europa. È in nome dell’Eurozona che sono state alzate le diverse barriere all’unificazione del mercato monetario globale. È attraverso l’Eurozona che le banche europee hanno potuto disseminare i cosiddetti « attivi tossici » all’interno dell’Unione europea. Per misurare l’entità della menzogna, occorre osservare la quota dell’Euro come valuta di riserva a livello internazionale : nella migliore delle ipotesi, ha superato di poco la quota delle ex-valute dei Paesi che compongono l’Eurozona. Un’ulteriore prova può essere fornita dall’abbassamento dell’Euro dal secondo al terzo posto [dietro il dollaro e ora il Yuan] come strumento di transazioni finanziarie.

Gianni ALEMANNO, sulla base della propria esperienza ministeriale, ha sottolineato il fatto che l’Unione Europea non è in alcun modo un fattore di resistenza nei confronti di altri Paesi [Stati-Uniti, China] nei negoziati commerciali internazionali.

Brigitte GRANVILLE è intervenuta sulle dinamiche politiche all’opera nell’Eurozona. Basandosi sulla logica della teoria dei giochi, in cui percepiamo il concetto di « coercive deficiency » che è stato sviluppato nel 1960 da Thomas SCHELLING [5], ha sviluppato l’idea che nel duopolio costituito da Germania e Francia, è in realtà quest’ultimo Paese che dovrebbe logicamente essere nella posizione migliore per negoziare. Questo merita spiegazioni. In realtà, la Francia è potenzialmente [e fin d’ora in pratica] debitore rispetto alla Germania. Tuttavia, in un rapporto « debitore-creditore », tocca in realtà al debitore agire, se è abbastanza grande per rischiare di portarsi via il creditore. Questa condizione è, del resto, soddisfatta, e ancor più se si aggiunge il peso della Spagna e dell’Italia a quello della Francia.

Per quanto mi riguarda, sono arrivato a conclusioni simili seguendo un percorso un po’ diverso. Si deve quindi costatare che il governeo francese non ha mai usato il vantaggio che gli dava potenzialmente la sua posizione. Si ricorderà la proposta che avevo fatto prima delle elezioni : avevo promesso il mio sostegno per il secondo turno a condizione che il candidato François HOLLANDE procedesse al referendum sul progetto di TSCG. Sappiamo che non è andata così. Ha preteso di « negoziare » e, come a Monaco di Baviera nel 1938, « di fronte a un gangster che esigeva 20 sterline, ci siamo accontentati di dargli 19 sterline e altrettanti scellini e la sicurezza che non sarebbe tornato ». Queste parole terribili sono di CHURCHILL. Sappiamo anche cosa ha detto riguardo a questo vergognoso voltafaccia : « Potevano scegliere fra il disonore e la guerra. Hanno scelto il disonore e avranno la guerra ».

L’Euro o come uscirne.

Comunque sia, è chiaro che la chiave della decisione dello scioglimento dell’Eurozona non è nelle mani di Berlino, ma di Parigi e di Roma. Se la Francia o l’Italia annunciassero di aver deciso unilateralmente di abbandonare l’Euro, l’Euro morirebbe immediatamente. Considerando sia la prossimità di queste economie, sia i collegamenti tra i vari Paesi, non possiamo immaginare neanche per un istante che Italia e Spagna [implicando anche Portogallo e Grecia] potrebbero rimanere nell’Euro se la Francia lo lasciasse. Viceversa, se l’Italia annunciasse di aver deciso di lasciare l’Euro, Francia e Spagna sarebbero di fatto costrette a farlo, portando con sè Portogallo e Grecia. Inoltre, prendendo atto dell’uscita della seconda, terza e quarta economia dell’Eurozona, la Germania ci guarderà due volte prima di mantenere l’Euro nella parte « nord » della zona. Oltre al fatto che l’uscita dei cosiddetti « paesi del Sud » provocherebbe automaticamente quella dell’Austria, Slovenia e Croazia [anche solo per allineare il tasso di cambio svalutato dei Paesi uscenti], il problema che si pone per la Germania è quello di sapere se è in grado di ridurre lo shock economico. Se si ostina a respingere qualsiasi trattativa, corre il rischio di soffrire di svalutazioni estremamente ampie da parte di alcuni Paesi. E quello che abbiamo chiamato « scenario 3 » [6] el lavoro realizzato con Philippe MURER e Cédric DURAND.

Grafico 1

Iniziale parità col dollaro degli Stati Uniti

 Parité-Hyp-MOD

E’, in realtà, nel migliore interesse della Germania negoziare ragionevoli svalutazioni con l’Europa meridionale, e offrire in cambio un sostegno che potrebbe assumere la forma di una completa e coordinata dissoluzione. Questo è ciò che abbiamo chiamato « scenario 2 » nel medesimo lavoro.

Questa coordinata dissoluzione dell’Eurozona ne limiterebbe l’impatto politico. Tuttavia, tutti gli oratori, compreso il dirigente del Partito Democratico, equivalente al Partito Socialista francese, che ha espresso una posizione favorevole all’Euro, hanno descritto una situazione politica in cui l’Euro sta minando i fondamenti dell’Europa. Ovviamente, si può difficilmente immaginare un Jean-Marc AYRAULT battere il pugno sul tavolo. Il poveretto, si farebbe male… Poiché si parla spesso di « negoziare » con la Germania. Ma l’unica cosa negoziabile, l’unico punto sul quale esiste un favorevole rapporto di forza contro Berlino, è precisamente la questione della sopravvivenza dell’Euro. Questo è stato detto, e molto bene, sia da ALEMANNO che dal Professore BAGNAI.

In tali condizioni, un primo ministro nuovo e fresco, nominato dopo le elezioni europee è convinto dell’inutilità degli sforzi in corso per « salvare » l’Euro, in realtà convinto che questi stessi sforzi peggiorano solo la crisi nel Paese del Sud, potrebbe perfettamente prendere una simile decisione, se il Presidente accettasse di farsi da parte per un periodo di circa 18 mesi. E di fatto, sarà probabilmente costretto dal risultato delle elezioni europee che mostrerà l’ampiezza del movimento anti-Euro e della contestazione radicale dall’Unione Europea. Anche in Italia, si sente che il dibattito sta progredendo velocemente in questi ultimi mesi. Il fatto che questo incontro è stato possibile, con personalità rappresentative della sinistra e della destra, il fatto che le posizioni « pro-Euro » sono state relativamente isolate, sono segni che non mentono. La crescita della contestazione dell’Euro non è un fenomeno francese ma internazionale, cosa che viene confermata del crescente numero di economisti che si uniscono a questo movimento.

___________________________________________________________________________

 

[1] Sapir J., Les Économistes Contre la Démocratie, Paris, Albin-Michel, 2002.

[2] F.A. Hayek, Law, Legislation and Liberty – Vol. III, The Political Order of a Free People, Routledge, Londres, 1979

[3] R. Bellamy, “Dethroning Politics: Liberalism, Constitutionalism and Democracy in the Thought of F.A. Hayek”, in British Journal of Political science, vol. 24, part. 4, Octobre 1994, pp. 419-441

[4] R. Carré de Malberg, Contribution à la Théorie Générale de l’État, Éditions du CNRS, Paris, 1962 (première édition, Paris, 1920-1922), 2 volumes.

[5] T.C.Schelling, The Strategy of Conflict, Harvard University Press, Cambridge, Mass., 1960.

[6] Sapir J., P. Murer et C. Durand, Les Scénarii de Dissolution de l’Euro, Paris, Fondation Res-Publica, septembre 2003.

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *