UCRAINA : NEGOZIAZIONI O CONFRONTO

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

La situazione nell’Est dell’Ucraina diventa ogni giorno più pericolosa e si ha la sensazione che il Paese si stia lentamente avviando verso la guerra civile. E’ in tali condizioni che dovrebbero aprirsi oggi, giovedì 17 aprile, a Ginevra, le negoziazioni tra Russi, Ucraini, l’Unione Europea e gli Stati Uniti. Una parte della popolazione dell’Est dell’Ucraina esprime semplicemente diffidenza nei confronti del governo nato dalla  « rivoluzione » di Maidan. Un’altra parte esprime pubblicamente il desiderio di unirsi alla Russia. Alcuni estremisti occupano edifici pubblici e il governo di Kiev minaccia di ricorrere alla forza. Possiamo notare che le « milizie » che si sono manifestate negli avvenimenti di Maidan, e che sono in gran parte composte da militanti di estrema destra, alcuni dei quali non esitano ad ostentare simpatie pro-naziste, minacciano di andare nell’Est del Paese. Diciamolo chiaramente : siamo al limite della guerra civile. Evidentemente, il governo di Kiev è in una logica di « presa di garanzie », nell’ottica di queste negoziazioni. E’ ciò che spiega la cosiddetta « operazione anti-terrorista » che si è trasformata in un fiasco mercoledì 16 aprile, con il disarmo di una parte dei soldati da parte della folla dei manifestanti anti governo. E’ anche vero però che anche le milizie vogliono l’annessione alla Russia. Questa logica rischia di scivolare da un momento all’altro verso la guerra civile. Bisogna dunque imperativamente proclamare una moratoria dei movimenti da ambedue le parti.

In un tale contento, risulta chiaro che qualunque uso sconsiderato della forza rischia di far precipitare il Paese verso la guerra civile. Oggi, bisogna riaffermarlo, non ci può essere una soluzione solo politica. E’ chiaro che le soluzioni proposte dal governo provvisorio di Kiev non sono soddisfacenti. Avrebbero dovuto, e lo ripeto da ormai più di un mese [3 marzo], convocare le elezioni ad un’Assemblea Costituente. L’idea di abbinare un referendum sulla Costituzione all’elezione presidenziale è in ritardo sugli avvenimenti di questi ultimi giorni. Intestardirsi, come fa il governo di Kiev, è assurdo. E’ come mettere il carro davanti ai buoi. E’ evidente che ci vorrà un referendum sulla Costituzione, ma quest’ultima deve essere scritta da TUTTI gli Ucraini. E’ la ragione per cui credo nella necessità di  un’Assemblea Costituente. In mancanza di questa, bisognerebbe rapidamente istituire un commissione di riconciliazione nazionale. Io però insisto nel dire che la soluzione politica necessiterà di un’Assemblea Costituente, l’unica che può avere la legittimità necessaria per imporre una via di uscita politica a questa crisi. Prima tutte le parti in causa lo riconosceranno e meglio sarà.

La conferenza di Ginevra dovrebbe avere come primo obiettivo quello di evitare la guerra civile e di trovare una soluzione ragionevole alla crisi dell’ Ucraina. E’ evidente che questa crisi provoca gravi turbamenti nei rapporti tra i Paesi europei,  e i Paesi dell’Unione Europea hanno un po’ troppo la tendenza a credere di essere gli unici a rappresentare l’Europa, quando invece anche la Russia è un Paese europeo. Abbiamo, in più, il caso dell’Ungheria e della Romania, che sono Paesi direttamente coinvolti in questa crisi e i cui governi sono molto preoccupati del peso assunto dai nazionalisti di estrema destra in Ucraina.

Una tale conferenza non avrebbe molto senso senza la Russia. C’è quindi da sperare che essa non ne sia esclusa. I Paesi dell’Unione Europea e gli Stati Uniti continuano a perpetuare il mito dei « buoni » [i manifestanti] e dei « cattivi » [il « potere »] senza capire che i manifestanti erano soggetti differenti.

Allo stesso modo, se ci sono state delle persone veramente odiose nella squadra al potere, mi sembra che gli amministratori si siano dimostrati molto contenuti. Ragionare in termini di « buoni » e « cattivi » è un’aberrazione politica. Del resto, è chiaro che nei mass media occidentali assistiamo allo sviluppo di una politica dicotomica. Tutto ciò che viene dalla Russia o che è a favore di quest’ultima è invariabilmente qualificato come « cattivo ».

Oggi è dunque estremamente importante che gli Ucraini ricomincino a comunicare tra di loro. Per questo, e tenuto conto della situazione attuale, è di capitale importanza avere :

1)     Una moratoria dei movimenti delle forze, sia di quelle del governo, che di quelle delle diverse milizie  e una decisione comune di tutte le forze ucraine di non ricorrere alla forza. Bisogna cominciare a congelare la situazione.

2)     L’annuncio di elezioni ad un’Assemblea Costituente o, in mancanza di essa, di una conferenza di riconciliazione nazionale ampiamente aperta a tutte le parti e realmente rappresentativa. Se si adotta la soluzione dell’assemblea, essa non dovrà decidere niente di importante senza una maggioranza di due terzi qualificata.

3)     La Costituzione che verrà elaborata dovrà essere sottoposta a referendum.

4)     Il potere del Presidente dovrà essere limitato finché non verrà adottata la nuova costituzione.

Queste sono le condizioni per trovare una via di uscita politica alla crisi.

La situazione evolve rapidamente e una delle ragioni principali è la crisi economica che si è aggiunta alla crisi politica. Un numero sempre maggiore di persone, nelle regioni dell’est dell’Ucraina, pensa a giusta ragione, che il proprio livello di vita sia legato al fatto di avere buoni rapporti con la Russia. Ci si sta avvicinando in modo pericoloso ad un punto in cui avranno luogo avvenimenti irreparabili. Invece di dare lezioni di « morale », lezioni che tra l’altro non sono state applicate in occasione della guerra civile in Yugoslavia e dovremmo ricordarcelo, i Paesi dell’Unione Europea e gli Stati Uniti farebbero meglio a proporre soluzioni costruttive.

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s’est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *