CONVERGENZA DELLE CRISI

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

La questione del costo del lavoro in seno al’Eurozona mobilita molto l’attenzione in queste ultime settimane. Sulla base delle statistiche disponibili, di Eurostat e OCDE, cerchiamo di precisare un certo numero di fatti. Innanzitutto, quando si parla di « costo del lavoro » bisogna capire che non si parla solo del salario, ma anche degli assegni mutualistici che sono legati al salario. In seguito, bisogna sapere che la produttività, compreso in seno ai Paesi dell’Eurozona, può variare enormemente. Dunque, il « costo del lavoro », inteso come il salario più gli assegni mutualistici pagati dal datore di lavoro, può essere conosciuto ogni anno, grazie alla media dell’insieme delle attività.

Tabella 1

Salario orario +  assegni mutualistici a carico del datore di lavoro, in Euro

Germania

Belgio

Spagna Francia Grecia Irlanda Italia Paesi-Bassi Portogallo Slovacchia Slovenia
1998

25,7

26,5

14,9

23,2

9,2

14,9

17,5

21,4

6,4

2,8

7,6

1999

26,3

27,4

15,1

23,9

10

15,8

18,1

22,5

6,7

2,6

7,9

2000

27,6

28,4

15,1

25

10,4

17,1

18,3

23,4

6,9

3,1

8,2

2001

28,5

29,9

14,2

26,2

11

19

18,7

24,6

7,3

3,1

8,7

2002

29,2

31,3

14,9

27,2

11,8

20

19,4

25,9

7,7

3,5

9,2

2003

29,8

32,9

15,6

28,0

12,7

20,9

19,8

27,2

8,1

3,9

9,6

2004

30,0

32,3

16,3

29,0

12,7

21,9

20,6

28,1

8,5

4,3

9,5

2005

30,1

33,0

16,9

30,0

12,2

23,1

22,3

28,5

8,8

4,6

9,8

2006

31,3

33,9

17,6

31,0

13,1

21,8

22,7

27,4

9,0

5,1

10,2

2007

31,7

35,8

18,2

32,0

14,3

25,9

23,2

28

9,2

6,2

10,7

2008

32,3

36,4

20,3

32,9

15,7

28

23,6

30,3

8,6

7,3

12,3

2009

32,9

38,3

21,5

32,9

16,3

26,4

24,6

30,9

10,1

7,9

12,6

2010

32,8

40,1

21,7

34,2

16,8

26

25,2

31,5

10,3

7,9

12,9

2011

34,3

40,8

22

35,5

15,9

26,2

25,9

32,2

10,5

8,4

13,1

2012

35,1

42,0

22,5

36,4

15,1

26,9

26,7

32,9

10,8

8,8

13,5

2013

36,1

42,7

22,7

36,7

16,1

26,7

27,2

34,1

11,1

9,3

13,6

Fonte : Eurostat

 

Vediamo immediatamente che le differenze sono considerevoli, ma anche che la Francia non è in una situazione così catastrofica, checché se ne dica. Le grandissime differenze esistenti tra i Paesi riflettono le differenze di produttività. Sappiamo che la Francia si situa piuttosto nel gruppo di testa, superando leggermente la Germania. Questi dati, però, non forniscono informazioni precise sulla competitività. Bisogna guardare al tempo stesso la parte di lavoro degli altri Paesi che è contenuto in un prodotto fabbricato in Francia o in Germania e bisogna vedere come le strutture dei costi si sono potute deformare nel tempo. Per la prima questione, ci sono pochi dati globali. Si sa che in certe attività, le macchine « tedesche » incorporano una grande parte di componenti fabbricati nei Paesi in cui il costo del lavoro è minore [Slovacchia, Slovenia]. Per la seconda questione, quella che riguarda l’evoluzione, possiamo farcene un’idea trasformando questi dati in indizi e utilizzando come base 100 l’anno 1998.

Grafico 1

Evoluzione del costo del lavoro dal 1998

 A-Gr1 CduT

Fonte : Eurostat

 

Costatiamo immediatamente che la Francia si trova in evoluzione [o in dinamica] in una posizione intermedia. Il costo del lavoro, nel senso usato in questo studio, è cresciuto più che in Germania, ma praticamente tanto quanto in Italia, in Belgio e nei Paesi Bassi. La Spagna, dove questo aumento era stato debole all’inizio del 2000, ha raggiunto il blocco dei Paesi intorno alla Francia. Al contrario, vediamo che la Grecia e il Portogallo si sono molto allontanati.

La domanda che dobbiamo porci ora è quella dell’inflazione. E’ importante per sapere se il salario è stato al passo, ha anticipato o se ha preso ritardo con l’inflazione e questo dà un’indicazione sull’evoluzione dei costi del lavoro considerata da un altro punto di vista, cioè quello del reddito dei lavoratori.

Grafico 2

Inflazione

A-Gr2 Infla

Dati del FMI

 

Costatiamo immediatamente che il livello d’inflazione è più basso in Germania e che è molto elevato presso i « nuovi entranti » [Slovacchia e Slovenia], ma anche in Portogallo, in Spagna e in Grecia. Il problema che si pone, se si vuole misurare la competitività di un’economia, consiste nel chiedersi se l’inflazione abbia potuto essere compensata da un rialzo della competitività più rapido rispetto a quello dei vicini. Si può stabilire un indice della produttività. Si costata allora che se la Francia, la Germania e il Portogallo hanno avuto dei guadagni di produttività molto simili, non è la stessa cosa per l’Italia e il Belgio, che restano indietro. Ora, un’« Unione Monetaria » come l’Eurozona dovrebbe comportare un’armonizzazione dei livelli e dei guadagni di produttività.

Grafico 3

Guadagni di produttività

 A-Gr3 Prod

Fonte OCDE, Calcoli CEMI-EHESS

 

Notiamo anche che i guadagni di produttività molto forti prima del 2008 in Grecia sono stati demoliti dalle politiche di austerità messe in atto per controllare il debito sovrano. Questi guadagni sono molto elevati in Slovenia e Slovacchia, ma ciò è normale, considerato il punto di partenza molto debole.

Possiamo ormai calcolare, dinamicamente, l’evoluzione sia dell’inflazione che dei costi del lavoro rispetto alla produttività. Per l’inflazione, vediamo che l’eterogeneità in seno alla zona tende a crescere. Sono particolarmente toccati alcuni Paesi, come la Spagna, l’Italia o il Belgio nei quali la forte inflazione si associa a deboli guadagni di produttività. Il caso della Grecia risalta tragicamente, poiché si vede che il livello di inflazione originario era perfettamente controllabile con i guadagni di produttività, ma il crollo della produttività [delle variazioni negative] dopo il  2009 porta ad una forte esplosione dell’inflazione corretta della produttività.

Grafico 4

Inflazione corretta della produttività

 A-Gr4 Infla et Prod

Fonte OCDE e FMI, calcoli CEMI-EHESS

Questo mostra il forte deterioramento della situazione della competitività in questi Paesi, che costringerà ad esercitare una pressione sui valori nominali dei salari e degli assegni mutualistici. Ciò è possibile solo se entriamo in una logica di deflazione, come accade in Spagna [i prezzi calano] e in Italia. Questa logica della deflazione è però catastrofica per l’attività economica. Quando adesso guardiamo l’evoluzione dei costi del lavoro corretti dalla produttività vediamo apparire delle logiche di allineamento molto diverse in seno all’Eurozona.

Grafico 5

Costo del lavoro corretto dei guadagni di produttività

A-Gr5 CduT et Prod

Dati Eurostat e ODCE, calcoli CEMI-EHESS

 Così, la Germania e la Slovenia arrivano a dei costi sensibilmente più deboli rispetto alla media, per una combinazione di costi nominali che sono stati relativamente mantenuti, di grande crescita della produttività e di inflazione relativamente debole. L’Irlanda e la Spagna riescono a migliorare la loro posizione alla fine del periodo, ma ciò è dovuto essenzialmente all’allineamento nominale al calo dei salari e degli assegni mutualistici, che sono stati ridotti in modo autoritario in questi due Paesi. Il Portogallo, la Spagna e l’Italia, a dispetto di importanti sforzi,  non riescono a controllare bene i loro costi del lavoro. Ciò implica che il miglioramento costatato in Spagna e in Portogallo sarà solo passeggero e che dobbiamo aspettarci nuovi problemi economici e sul fronte del debito nel 2015. Allo stesso modo, la Grecia ha imposto ai lavoratori delle restrizioni che sono probabilmente oltre ciò che è sopportabile. Il miglioramento registrato nel 2011 e 2012 è però stato praticamente annullato dall’evoluzione del 2013. Anche in Grecia, senza dubbio a partire da quest’inverno, dobbiamo aspettarci dei problemi economici molto profondi, che dovrebbero unirsi a problemi politici.

 

Possiamo insomma costatare che continua a non esserci armonizzazione in seno all’Eurozona, se escludiamo il caso della Slovenia. Questo, associato ai seri problemi a livello delle banche [i prestiti non – competitivi continuano a crescere considerevolmente in Spagna e in Italia] dovrebbe creare nuovi problemi sul debito sovrano. Mentre Mario Draghi è arrivato al limite delle sue possibilità alla Banca Centrale Europea, si stanno riunendo tutte le condizioni  per una convergenza delle crisi all’alba del 2015.

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s'est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search