King, Stiglitz e l’Euro

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

 C’è una una notizia che fa reagire gli economistii: Lord Mervyn King, ex governatore della Banca d’Inghilterra o Banca centrale del Regno Unito (dal 2003 al 2013), si prepara a pubblicare un libro[1] in cui striglia l’Euro. Il quotidiano britannico The Telegraph ha pubblicato il 27 febbraio alcuni brani di quest’opera [2] .

A - 011 CcZBIB5WAAA2O2f

Inoltre, è stata annunciata per il 31 maggio 2016 l’uscita di un nuovo libro di Joseph Stiglitz, una volta premio Nobel, interamente dedicato al rischio che l’Euro fa pesare sull’economia dell’Unione europea [3]. Questi due libri sono particolarmente significativi perché uno è stato scritto da un « esperto » di economia e l’altro da uno dei suoi maggiori teorici.

A - 01 CcZBIAyW0AABgC3

L’uscita di questi due libri è quindi sintomatica dell’attuale situazione di crisi. Dopo la crisi tra l’Eurozona e il governo greco del primo semestre del 2015, la lingue si sciolgono e si libera la parola. C’è qui una dimensione politica, ed è la questione della sovranità a cui ho dedicato recentemente un libro [4] e c’è una dimensione economica, quella di cui trattano King e Stiglitz.

Lord King e l’Euro

E’ ovvio che possiamo essere in disaccordo su alcun punti con con King. Il suo pensiero continua ad esprimersi all’interno del “Nuovo Consenso Macroeconomico” o “Nuovo Consenso Monetario” [5], che, del resto, è stato criticato [6]. Questo consenso ispira oggi l’azione di numerose Banche Centrali. Esso conduce a politiche che vengono talvolta definite « Neo-Keynesiane », ma sarebbe più corretto parlare di un « Néo-Wickselliane »[7] nella misura in cui sono basate sulla distinzione tra un tasso di interesse di equilibrio e il tasso praticato da una Banca Centrale. In particolare, possiamo non pensarla come King sul fatto che il tasso di interesse sia l’arma assoluta per neutralizzare le pressioni inflazionistiche in un’economia. Ma quando egli scrive che l’Unione Monetaria (cioè l’Eurozona) si scontra col problema dell’esistenza di tassi di inflazione diversi a seconda dei Paesi, ha incontestabilmente ragione. Ho sviluppato questo stesso argomento nel mio libro Bisogna uscire dall’Euro, che è stato pubblicato nel 2012 [8]. L’Unione Monetaria implica che la stessa politica monetaria sarà condotta in tutti i Paesi della zona, il che implica che essa sarà o troppo restrittiva o troppo accomodante a seconda dei diversi Paesi. Egli scrive allora: « Invece di essere capaci di utilizzare differenti tassi di interesse per portare l’inflazione allo stesso livello, alcuni Paesi hanno trovato che le loro differenze sono state esacerbate dal tasso di interesse unico”. In realtà, il problema è semplicemente spostato sulla competitività e mette un Paese la cui inflazione è strutturalmente superiore a quella del Paese dominante dell’Unione (cioè la Germania) davanti alla seguente alternativa : o vedere la propria competitività esterna degradarsi rapidamente (cosa che si traduce in un forte squilibrio nella bilancia commerciale di fronte alla Germania) o imporsi una politica di austerità che lo fa cadere nella recessione.

A - 01 King

Un altro punto su cui Marvin King ha senza dubbio ragione è quando scrive che la Germania ha dimenticato la propria storia, e in particolare l’accordo che ha ottenuto dagli altri Paesi per la cancellazione dei propri debiti dopo la seconda guerra mondiale. Un terzo punto di accordo si trova nell’analisi che fa King della logica politica del processo generato dall’Euro. Egli punta giustamente sulla contraddizione fra lo spirito democratico che dovrebbe regnare nell’Unione Europea e il carattere tecnocratico del processo decisionale. Così scrive: « Detto senza mezzi termini, l’Unione Monetaria ha creato un conflitto tra una élite centralizzata da un lato e le forze della democrazia a livello nazionale dall’altro.“ Questo è estremamente pericoloso. Nel 2015, i presidenti della Commissione Europea, dell’Eurosummit,del gruppo Euro, della Banca Centrale Europea e del Parlamento Europeo (l’esistenza di cinque presidenti è testimonianza delle capacità burocratiche dell’elite) hanno pubblicato un rapporto in cui difendono l’ unione fiscale in cui « le decisioni avranno sempre più bisogno di essere prese collettivamente » e sostengono implicitamente l’idea di un unico ministro delle finanze per l’Eurozona. Questo approccio di progressivo trasferimento della sovranità verso una centrale non eletta è profondamente errato e incontrerà la resistenza popolare . Quando parla della sovranità che dovrà essere sacrificata nel processo, ha, naturalmente, ancora ragione. Questo argomento si allaccia a quelli che ho menzionato in Sovranità, Democrazia, Laicità. Egli predice, giustamente, la ribellione democratica dei popoli del sud Europa ai quali le istituzioni dell’Unione Europea e quelle dell’Eurozona cercano costantemente di strappare sempre più ricchezze a beneficio della Germania e dei suoi satelliti. Predice così una crisi sia economica che politica se i Paesi membri dell’ Eurozona persistono sulla strada folle e suicida della moneta unica.

L’avvertimento di J.E. Stiglitz

Questa è esattamente la stessa diagnosi che si trova nel libro di Joseph E. Stiglitz, che sarà pubblicato alla fine del mese di maggio. Stiglitz è anch’egli consapevole del costo politico esorbitante indotto dall’esistenza dell’Euro nella sua forma attuale. Annuncia una crisi, che sarà secondo lui sia politica che economica, a meno che i paesi dell’ Eurozona decidano a sciogliere l’Euro con calma, o facciano evolvere la moneta unica in una moneta comune. Ammetto di avere dubbi su quest’ultima soluzione. Non che non sia intellettualmente molto interessante. Ma la complessità dei meccanismi che occorrerebbe mobilizzare la rende altamente improbabile. È la seconda soluzione,quella della dissoluzione concertata dell’Euro, che dovrebbe logicamente imporsi.

A - O11 Stiglitz

Ma le resistenze sono molto forti e in particolare nelle élite francesi che continuano a non vedere la realtà, e che continuano a tenere un discorso insensato sui “rischi” che tale dissoluzione comporterebbe. Di fatto, è il mantenimento dell’Euro che comporta enormi rischi in Europa, sia in campo economico che in campo politico. Questo è cio’ che è scritto in questo libro [9]. Possiamo pensare che l’Unione europea non sopravviverà all’Euro nella sua forma attuale, e che la battaglia per “salvare” quest’ultimo porterà con sè le forze che sarebbero servirebbero ad una revisione completa e ragionevole dell’UE. In questa prospettiva, dobbiamo considerare i politici che dirigono, quelli passati, quelli attuali e i loro obiettori ufficiali, in Francia, Germania e in molti Paesi dell’UE, come i peggiori nemici dell’Europa, non nel senso di un sistema istituzionale ma in quello di una comunità di popoli che dovrebbero unire gli obiettivi di pace, di prosperità e di democrazia.

[1] King, Mervyn A., The End Of Alchemy: Money, Banking And The Future Of The Global Economy, Londres, Little, Brown (di prossima pubblicazione)

[2] http://www.telegraph.co.uk/business/2016/02/28/lord-mervyn-king-forgive-them-their-debts-is-not-the-answer/

[3] Stiglitz Joseph E., The Euro: And its Threat to the Future of Europe, New Yok, Allen Lane, 31 mai 2016, (di prossima pubblicazione)

[4] Sapir J., Souveraineté, Démocratie, Laïcité, Michalon, Paris, janvier 2016.

[5] Goodfriend M., et R.G. King, (1997), “The New Neoclassical Synthesis and the Role of Monetary Policy” in Bernanke B.S., and J.J. Rotemberg (edits), NBER Macroeconomic Annual 1997, MIT Press, Cambridge, MA.

[6] Arestis P., et M. Sawyer (2008), “A Critical Reconsideration of the Foundation of Monetary Policy in the New Consensus Macroeconomics Framework”, Cambridge Journal of Economics, Vol. 32, n° 5, pp. 761-779. Tymoigne, E., (2007), “Fisher’s Theory of Interest Rates and the Notion of ‘real’: a Critique”, Working Paper n° 483, Annandale-on-Hudson, (N.Y.), The Levy Economics Institute of Bard College, 2007.

[7] Canzoneri M., R.E. Cumby, B. Diba et D. Lopez-Salido, (2008), “Monetary Aggregates and Liquidity in a Neo-Wicksellian Framework”, NBER Working Paper Series, n° 14244, National Bureau of Economic Research, Cambridge, MA.

[8] Sapir J., Faut-il sortir de l’Euro?, Paris, Le Seuil, 2012.

[9] Sapir J., « L’Euro contre l’Europe », nota pubblicata il 16 febbraio sul libro RussEurope, http://russeurope.hypotheses.org/4720

 

 

 

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s'est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search