Tempo di confessioni

Testo gentilmente tradotto da Etienne Ruzic

È il momento delle confessioni. Oh, non quello delle dolci confessioni che si fanno gli innamorati, né quello delle confessioni estorte con la forza e la sofferenza ; no, semplicemente la confessione davanti all’evidenza di persone che si sono sbagliate e che hanno ingannato il pubblico. La vergognose confessioni di politici con le spalle al muro, le cui costruzioni stanno crollando.

 

Confessioni europee

Alcune di queste confessioni riguardano l’Europa. Cominciamo dunque dalla più bella ; quella dell’onorevole Martin Schulz, presidente socialdemocratico (SPD) del Parlamento europeo, che è stata fatta in occasione di una conferenza sull’Europa che si è tenuta a Roma [1]. Cosa dice allora il signor Schulz ? Che l’Europa “era una promessa fatta ogni giorno per più posti di lavoro, servizi, crescita” ma che conduce a “un senso di ingiustizia, questa non è l’Europa che volevano vedere”. Riconosce che i sacrifici richiesti agli europei dovevano salvare le banche. Ne prendiamo atto onorevole Schulz. Aggiungiamo che non c’era bisogno de Lei per capirlo.

Così in Grecia, su tutti gli aiuti stanziati, solo 9,7 miliardi di euro sono andati al governo greco, ossia esattamente il 4,9 per cento [2]. Ora, la Doxa europea, ma anche francese, era che avevamo già aiutato molto la Grecia. La verità è che i contribuenti dei diversi Paesi hanno salvato degli investitori privati [3], delle banche, principalmente tedesche e francesi. Ma, quando si è socialisti, si dovrebbe lottare contro questo stato di cose. Ora, la verità è che, come i socialisti francesi, belgi, spagnoli e altri (e non dei migliori), Lei è stato connivente con questa politica. È bello a piangere sul disastro che si è causato. Ricordiamo che Guglielmo II, imperatore della Germania, davanti ai carnai della prima guerra mondiale pronuncio’ un famoso “non avevo voluto questo”… Salvo che ciò che caratterizza l’uomo (o la donna) politico e, intendiamoci bene, parlo del vero uomo politico, non è versare lacrime, ma agire e in questo caso agire per riparare il disastro commesso.

Ma il signor Tusk, il presidente (polacco) del Consiglio europeo non fu da meno. Nella stessa conferenza, ha dichiarato : “il sogno di un singolo Stato europeo, di una sola nazione europea è un’illusione. Dobbiamo accettare di vivere in un’Europa con diverse valute, con diverse forze politiche, e la cosa peggiore è far finta di non saperlo”. È come riconoscere che la strategia del “federalismo furtivo” che è quella adottata dall’Unione europea, oggi è un fallimento. Un fallimento perché lo scopo che si era prefissa era un’illusione, e lo dice il Presidente del Consiglio europeo, ma anche perché il desiderio di raggiungere questa illusione (e fu questo il ruolo politico dell’Euro) ha distrutto il progetto europeo. Ma allora ci si puo’ porre una domanda : se il signor Tusk fosse onesto, dovrebbe o convocare una riunione al più alto livello affinché i Paesi dell’Unione Economica e Monetaria (nome tecnico dell’Eurozona) si mettano d’accordo sulle condizioni della dissoluzione di questa zona, o allora dovrebbe dimettersi.

 

Confessioni francesi

Ma queste confessioni non sono le uniche. In Francia, il Presidente e il governo riconoscono, molto tardivamente, il che il TAFTA non è ratificabile nelle condizioni in cui è. Come se non lo sapessimo ! Significa tenere in poco conto parecchi anni di dibattiti che hanno mostrato gli effetti nocivi di questo futuro trattato. Ma c’è anche molta ipocrisia. Poiché cio’ che il governo e il Presidente rimproverano al TAFTA, è semplicemente che questo trattato non stabilisce l’uguaglianza nell’accesso ai mercati pubblici. È importante, naturalmente, ma è poca cosa rispetto alle potenziali conseguenze di questo trattato in materia di norme alimentari o ambientali, o anche in materia di spossessamento degli Stati e di conseguenza dei cittadini nei conflitti sull’investimento. Sì, anche qui c’è molta ipocrisia.

Un’ipocrisia che non è la prerogativa dei “socialisti”. Così, Natacha Polony può giustamente [4] denunciare la risposta inadeguata e tutto sommato miserabile che Alain Juppé ha dato al Generale Soubelet e che gli è valsa un articolo vendicativo del Generale Desportes [5]. Il caso del generale Soubelet è esemplare. Costretto dal governo a dare le dimissioni per aver denunciato, nel corso di un’audizione parlamentare, lo stato deplorevole della gendarmeria e aver messo in discussione il funzionamento della giustizia. Non possiamo condividere tutte le costatazioni fatte dal Generale Soubelet. Ma, davanti a dei parlamentari, doveva dire cosa pensava, prendendo il rischio che questi parlamentari interrogassero altri responsabili e non tenessero conto di queste osservazioni. La sanzione che subisce è inaccettabile e costituisce un errore imperdonabile da parte del governo. Ma che il signor Juppé prenda partito per questi lupi è una confessione pesante di significato. Così, questo ex ministro degli esteri preferisce il silenzio complice alla verità che fa male. Ecco che cosa dobbiamo dire a tutti quando egli, forse, verrà ad elemosinare i nostri voti.

Queste confessioni sono diverse, ma hanno tutte una cosa in comune. La verità, che sia quella della situazione o quella sulla natura degli uomini non può essere nascosta eternamente. Quando le illusioni si spezzano, gli uomini (e le donne) politici sono messi davanti alla realtà. E’ dunque venuto il momento di confessare e questo ci fa sapere, e come !, quanto valgono questi politici.

 

[1] http://www.lapresse.ca/international/europe/201605/05/01-4978551-LEurope-est-une-promesse-trahie-selon-le-president-du-parlement.php

[2] https://global.handelsblatt.com/edition/423/ressort/politics/article/study-finds-greek-bailouts-saved-banks-not-people

[3] http://www.macropolis.gr/?i=portal.en.the-agora.2080

[4] http://www.lefigaro.fr/vox/societe/2016/05/06/31003-20160506ARTFIG00185-natacha-polony-le-cri-des-muets-exasperes.php

[5] http://www.lemonde.fr/idees/article/2016/05/04/le-general-vincent-desportes-vous-avez-tort-monsieur-juppe_4913212_3232.html

 


Jacques Sapir

Ses travaux de chercheur se sont orientés dans trois dimensions, l’étude de l’économie russe et de la transition, l’analyse des crises financières et des recherches théoriques sur les institutions économiques et les interactions entre les comportements individuels. Il a poursuivi ses recherches à partir de 2000 sur les interactions entre les régimes de change, la structuration des systèmes financiers et les instabilités macroéconomiques. Depuis 2007 il s'est impliqué dans l’analyse de la crise financière actuelle, et en particulier dans la crise de la zone Euro.

Vous aimerez aussi...

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *